SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

SICOB: Chirurgia Bariatrica, gli interventi devono essere effettuati solo nei Centri Specializzati

Dopo il decesso di una giovane mamma cagliaritana a seguito di un intervento per perdere peso, il presidente della Società Italiana di Chirurgia dell’Obesità e delle Malattie Metaboliche Marco Antonio Zappa ribadisce che è fondamentale eseguire gli interventi presso centri qualificati.

printDi :: 10 novembre 2021 14:56
Marco Zappa presidente sicob

Marco Zappa presidente sicob

(AGR) Marco Zappa, presidente del SICOB nel corso di una confrenza sul tema degli interventi per dimagrire dichiara: “In riferimento al triste episodio di cui veniamo a conoscenza riguardante il decesso di una giovane donna cagliaritana operata per grave obesità, riteniamo necessario fornire alcune opportune precisazioni, per  evitare il rischio di speculazioni e notizie fuorvianti:

- L' obesità rappresenta oltre il 12% della popolazione italiana e la grande obesità oltre l'1,5 % ; quando si pensa al paziente obeso  l'opinione pubblica pensa soltanto ad un  problema estetico, non comprendendo quanto la grande obesità sia invece una grave malattia associata a precoce mortalità e a comorbilità come il diabete, le cardiopatie, le patologie respiratorie, le artropatie, la depressione e il cancro che, da sole, spiegherebbero la gravità della patologia;

- A conferma di questi dati, la grande obesità (BMI >35) è stata recentemente inserita tra le patologie a rischio nell'ambito dell'emergenza Covid19 in quanto il paziente grande obeso è maggiormente a rischio di contrarre forme gravi di Covid19 con necessità di intubazione (determinando in tal modo un affollamento dei posti in terapia intensiva) e di morte per Covid;

- La grande obesità è inoltre associata a gravi problematiche sociali; basti pensare ai giorni di inattività lavorativa, al costo dei farmaci e delle degenze, per citarne alcune.

Ricordando inoltre come il paziente grande obeso, proprio per la sua patologia e le comorbilità associate, rappresenti sempre un paziente a rischio (la Letteratura mostra chiaramente l'aumentata mortalità del paziente grande obeso nella vita quotidiana), affermiamo con forza che i chirurghi italiani riuniti nella Sicob, Società italiana di chirurgia dell'obesità, rappresentano un'eccellenza internazionale e i dati della Letteratura indicano come le complicanze di chirurgia bariatrica e la mortalità post operatoria in Italia siano sovrapponibili a quelle della colecistectomia (rimozioni di calcoli della colecisti);  inoltre il 99,2% degli interventi bariatrici viene eseguito con tecnica laparoscopica.

Certamente, per ottenere simili risultati, la Sicob raccomanda che gli interventi vengano eseguiti solamente nei centri di riferimento della società che garantiscono non solo la chirurgia, ma anche un percorso multidisciplinare (nutrizionista, psichiatra, psicologo del comportamento alimentare, anestesista, rianimazione ) che segue le linee guida della società stessa e che rappresentano per il paziente garanzia di professionalità e di minor rischio di complicanze post operatorie”.

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE