SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Chirurgia ortopedica: al policlinico di Abano eseguiti diecimila interventi di protesi al ginocchio in dieci anni, gli ultimi mille con tecnologia robotica

Il reparto ospedaliero è una delle eccellenze sanitarie del Veneto. La casistica record e l’esperienza del reparto della struttura veneta, aperto nel 1994, sono state illustrate durante il webinar “Aggiornamento sull’uso della robotica in chirurgia ortopedica”

printDi :: 17 ottobre 2021 10:49
l'equipe medica del reparto di chirurgia ortopedica dell'ospedale di Abano

l'equipe medica del reparto di chirurgia ortopedica dell'ospedale di Abano

(AGR) Al Policlinico Abano Terme sono stati eseguiti diecimila interventi di protesi al ginocchio negli ultimi dieci anni, mille di questi con tecnologia robotica, di cui è stato pioniere dal 2011. La corposa casistica della struttura sanitaria, che ha sede nell’omonima città termale del Veneto, è tra le più ampie d’Italia. I risultati ottenuti, già oggetto di numerose pubblicazioni scientifiche nazionali e internazionali, sono stati ripercorsi ed illustrati  durante il webinar “Aggiornamento sull’uso della robotica in chirurgia ortopedica” (h. 19-20.30), organizzato dalla SIAGASCOT, la Società Italiana Artroscopia, Ginocchio, Arto Superiore, Sport, Cartilagine, Tecnologie Ortopediche. Il link per partecipare è https://www.gotomeet.me/SIAGASCOT-ORTO/2-tappa-percorso-robotica.

In particolare, Giorgio Franceschi, referente della Chirurgia Robotica e Computer Assistita e membro della Commissione Interdisciplinare Tecnologie Ortopediche e Rapid Recovery della SIAGASCOT per lo studio e applicazione di percorsi terapeutici individuali, intervisterà, all’inizio dell’evento formativo, il professor Fabio Catani, Direttore Struttura Complessa di Ortopedia e Traumatologia dell’Azienda Ospedaliero-universitaria - Policlinico di Modena, insieme al quale, un decennio fa, l’équipe fondata da Roberto Nardacchione, ora senior consultant della struttura, ha fatto da apripista in Italia nell’utilizzo del robot Mako Rio. Una banca dati, quella costruita al Policlinico di Abano, da mettere a disposizione della comunità medico-scientifica.

Centro di eccellenza per la robotica

AI Policlinico di Abano il reparto di Ortopedia II – Chirurgia del Ginocchio utilizza la tecnologia Mako Rio, importata dagli Stati Uniti, per protesi mono-compartimentali (sostituzione di una sola parte dell’articolazione danneggiata) o totali di ginocchio in pazienti affetti da grave artrosi che causa loro limitazioni nel camminare e nello svolgere le normali attività quotidiane.Dopo la valutazione clinica del paziente, si procede all’acquisizione di una tac tridimensionale sulla quale il chirurgo può programmare virtualmente il posizionamento ottimale della protesi per ripristinare la cinematica del ginocchio.

Una volta pianificato l'intervento al computer, in sala operatoria si procede all’intervento grazie all’utilizzo di un sistema di telecamere a infrarossi che si interfacciano con alcuni sensori posizionati sul ginocchio. Il chirurgo può collocare la protesi così come è posizionata sul modello virtuale e riprodurre fedelmente il lavoro preimpostato. L'operazione viene seguita su un monitor simulando il lavoro in artroscopia e il medico, mediante un braccio guidato dal software, effettua la fresatura per l'alloggio della protesi.“Con questa metodica, impiegata da professionisti con lunga esperienza – spiega il dottor Nardacchione - si limano gli errori dovuti al gesto chirurgico, senza dimenticare il grande risparmio di tessuto osseo. Cementata la protesi, l'intervento si conclude con la consueta sutura per strati dei tessuti e il paziente inizia a distanza di poche ore il recupero funzionale”.

I vantaggi

L’impianto di protesi tramite il sistema robotico è più accurato rispetto alla tecnica manuale. “Questo strumento – spiega il dottor Franceschi - offre al chirurgo la soluzione per il trattamento mini-invasivo di pazienti. Si riducono i tempi di recupero post-operatorio, di ricovero e di ripresa della mobilità oltre che il sanguinamento durante l’intervento e nel post-operatorio. Inoltre, consente un miglior controllo del dolore dopo l’operazione”. La degenza dura due o tre giorni ed è prevista una riabilitazione fisioterapica precoce per il raggiungimento di un’ottimale autosufficienza.

L’équipe

Fondato nel 1994 dal dottor Nardacchione, attualmente il team dell’Ortopedia II – Chirurgia del Ginocchio è guidato da Emanuele Furlan e formata da Giorgio Franceschi, referente proprio della Chirurgia Robotica e Computer Assistita, Alberto Girotto, riferimento per chirurgia protesica ad alta complessità, oltre che dagli ortopedici Mattia Berti e Fabrizio De Nardi. A loro si aggiunge il senior consultant Nardacchione, sempre presente e pronto a condividere la sua lunga esperienza e qualche quotidiana “pillola di saggezza”.

La carta vincente di questa squadra è la costante collaborazione con i medici anestesisti e gli infermieri di sala operatoria. Inoltre, il team si avvale del fondamentale supporto di Donatella Alviani, coordinatrice infermieristica del Reparto di Ortopedia, dove avviene la degenza, così come del personale di segreteria e dell’èquipe della Riabilitazione Funzionale. Insieme per raggiungere il miglior risultato e la miglior presa in carico del paziente.

Il reparto si occupa di un ampio spettro di patologie di carattere traumatico (lesioni meniscali, legamentose e cartilaginee), di carattere degenerativo (gonartrosi – artrosi del ginocchio) e legate al morfotipo (deviazioni assiali – varo o valgo, lussazioni di rotula).Al Policlinico Abano metodiche artroscopiche, robotiche e computer assistite fanno parte del bagaglio tecnologico a disposizione nell’uso quotidiano.

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE