SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Ostia, sgombero via Fasan, per la famiglia avviata la ricerca nel mercato privato delle locazioni

La Sala Operativa Sociale del Comune di Roma ha preso in carico la famiglia, ma è fondamentale la garanzia dell'attivazione di tutti gli strumenti utili a tutelare un passaggio da casa a casa. Per questo ha avuto inizio la ricerca nel mercato privato delle locazioni un alloggio idoneo alla famiglia

printDi :: 01 dicembre 2021 17:17
via fasan

via fasan

(AGR) "Ieri mattina è stata sgomberata una mamma, con figli minori al seguito, in quanto aveva occupato per necessità un immobile. - scrive Marco Possanzini, consigliere municipale di Sinistra Civica Ecologista -  Grazie all'intervento del costituente Comitato Residenti di Via Fasan, come rappresentanti municipali di Sinistra Civica Ecologista ci siamo precipitati prontamente sul posto attivando tutti i canali istituzionali possibili: Comune di Roma, Municipio X, Unione Inquilini.

La Sala Operativa Sociale del Comune di Roma ha preso in carico la famiglia, ma è fondamentale la garanzia - continua Possanzini - dell'attivazione di tutti gli strumenti utili a tutelare un passaggio da casa a casa, nei diritti e nella dignità. Per questo ringraziamo l'Unione Inquilini, nella persona di Emanuela Isopo, e l'Assessore Municipale ai Servizi Sociali, Denise Lancia, per essere intervenute insieme a Sinistra Civica Ecologista del Municipio X durante le operazioni di sgombero al fine di garantire e tutelare i diritti di tutti, soprattutto delle persone più fragili.

Oltre ad una proposta per entrare in una casa famiglia, così come previsto dalle regole, di concerto con la mamma oggetto dello sgombero e’ stata individuata un'altra strada, a tutela dell'intero nucleo familiare, e cioè quella di ricercare nel mercato privato delle locazioni un alloggio idoneo alle esigenze della famiglia, in particolare a tutela dei diritti dei minori, da supportare economicamente grazie al contributo previsto da due delibere comunali.

 La sentenza di sgombero, a tutela dei diritti dei legittimi assegnatari di quell'immobile, - conclude Possanzini -  non è stata minimamente messa in discussione ma è necessario tutelare anche i diritti delle persone fragili che in quell'appartamento avevano trovato un ristoro. Vigileremo, a tutela della legalità, affinchè solamente gli aventi diritto, e solamente loro, possano tornare a vivere in quell'appartamento. Ancora grazie agli attivisti del costituente Comitato residenti di via Fasan perchè senza di loro non sarebbe stato possibile intervenire prontamente al fine di tutelare questa famiglia oggetto di un provvedimento di sgombero". 

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE