SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Torpignattara, spaccio di droga nel parco

Tre arresti ieri della Polizia che ha bloccato e tratto in arresto due pusher recuperando un notevole quantitativo di droga. Preso anche un magrebino che lo scorso 13 dicembre aveva rapinato un supermercato

printDi :: 02 maggio 2020 15:58
la droga recuperata

la droga recuperata

(AGR) Sono stati gli agenti del Commissariato di Polizia “Torpignattara”,  diretto da Giuseppe Amoruso, ad arrestare all’interno del parco “Villa De Santis” due spacciatori ed un ricercato per rapina. Gli investigatori, impegnati in un servizio finalizzato al contrasto dell’attività  di spaccio, hanno notato G.P., romano di 47 anni che, dopo aver raggiunto un'altra persona seduta su una panchina, riceveva da questa un pacchetto e si allontanava rapidamente.

Fermato dai poliziotti veniva perquisito ed in tasca gli agenti recuperavano un pacchetto al cui interno venivano trovati 5 panetti di hashish del peso complessivo di 500 grammi e 290 euro in contanti. Fermato anche il secondo uomo, veniva identificato per B.A.A.C., peruviano di 68 anni. Nella sua abitazione i poliziotti hanno successivamente rinvenuto e sequestrato 430 grammi di cocaina e 5,700 kg. di hashish, suddiviso in panetti, materiale vario per il confezionamento delle dosi e alcuni telefoni cellulari.

Per i  due sono scattati gli arresti per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Nel corso dei controlli nel parco, i poliziotti hanno inoltre fermato anche E.A.A., magrebino di 35 anni, con precedenti di polizia. L’uomo è risultato ricercato in quanto destinatario di un’ ordinanza di custodia cautelare in carcere per rapina. L’episodio risale al 13 dicembre scorso quando, in zona San Lorenzo, entrato in un minimarket, dopo aver minacciato il gestore con una bottiglia, si era impossessato dell’incasso e si era allontanato facendo perdere le proprie tracce. A seguito di indagini, l’uomo  era stato identificato dalla polizia e indagato per rapina. Successivamente, il 24 gennaio scorso, l’Autorità Giudiziaria aveva emesso nei suoi confronti il provvedimento di custodia cautelare. Dopo la notifica, E.A.A è stato , accompagnato in carcere.

Partecipa anche tu, con un piccolo contributo, affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE