SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Sicurezza stradale, al via nel Lazio il progetto sicurvia

Il progetto prevede la realizzazione di interventi mirati all’informazione del cittadino. In particolare, Sicurvia si propone di informare e formare il cittadino consumatore su due temi interconnessi: la sicurezza stradale e l’assicurazione RCA.

printDi :: 17 ottobre 2020 16:34
Sicurezza stradale, al via nel Lazio il progetto sicurvia

(AGR) Parte il progetto Sicurvia realizzato dall’associazione dei consumatori Konsumer Italia con la partnership di Asso Consum Regionale Lazio. Il progetto prevede la realizzazione di interventi mirati all’informazione, all’educazione per un consumo critico e all’assistenza. In particolare, Sicurvia si propone di informare e formare il cittadino consumatore su due temi interconnessi: la sicurezza stradale e l’assicurazione RCA. Basti considerare che all’aumentare dell’insicurezza stradale, inevitabilmente, abbiamo un aumento delle tariffe RCA e viceversa. “La presenza, sempre più marcata, di egoismi e superficialità, oltre a denotare un minor senso civico del singolo individuo, ha un riflesso diretto nella spesa RCA che tende ad aumentare proprio a causa dell’aumento dei sinistri stradali” spiega Fabrizio Premuti, presidente dell’associazione. Quindi, Sicurvia punta sulla prevenzione e anche sul consumo critico perché risparmiare è possibile così come conservare la propria integrità fisica. Una particolare attenzione sarà data alle fasce giovanili e a quelle over 60, fasce che sono più soggette a sinistri. Attraverso strumenti tecnologici (come siti internet, dirette web, web television e app) e analogici (come guide, volantini, numero verde, sportelli dedicati) il cittadino sarà alfabetizzato sulla sicurezza stradale e sulla RCA al fine di permettere sempre una scelta consapevole.

Non da secondo, scopo del progetto è anche quello di ridurre drasticamente il malcostume legato all’assenza di copertura assicurativa che riguarda non meno dell’8% del parco veicoli circolante.

Partecipa anche tu, con un piccolo contributo, affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE