SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Carabinieri, scarichi illegali nel mirino, sequestri e 120 mila euro di multe

Decine di controlli e verifiche sono state effettuate del Comando Unità Forestali, Ambientali e Agroalimentari alle aziende operanti nel bacino del fiume Sarno e suoi affluenti.Ad agosto eseguite 27 verifiche, sequestrate cinque aree stoccaggio ed un capannone

printDi :: 08 settembre 2020 11:00
carabinieri tutela ambientale

carabinieri tutela ambientale

(AGR) Prosegue incessante la campagna di controlli, tesi a reprimere fenomeni di abbandono di rifiuti nonché di illeciti sversamenti da parte di imprese operanti nelle aree del Bacino Idrologico del fiume Sarno, da parte dei Carabinieri del Comando Unità Forestali, Ambientali e Agroalimentari. Anche nel corso del mese di agosto sono stati effettuati numerosi controlli presso aziende operanti lungo il corso del fiume Sarno e dei suoi principali affluenti, i torrenti Solofrana e Cavaiola, al fine di verificare l’eventuale presenza di scarichi abusivi nonché la regolarità di quelli censiti.

I Carabinieri del Gruppo per la Tutela Ambientale di Napoli, con i dipendenti NOE di Napoli e Salerno e dei Gruppi Tutela Forestale di Napoli, Salerno e Avellino, hanno sottoposto a verifica  27 aziende, deferito in stato di libertà  50 persone (tra le quali alcuni responsabili di laboratori di analisi che hanno redatto certificazioni analitiche false circa la pericolosità dei rifiuti prodotti dalle aziende) e proceduto al sequestro di  6 aree di stoccaggio rifiuti, elevando sanzioni amministrative per un importo di circa 82.000 Euro.

In particolare, i militari operanti hanno sottoposto a sequestro nelle province di Napoli, Salerno e Avellino:

-        un capannone industriale di ca. 800 mq;

-        cinque aree per un ammontare complessivo di ca. 15.000 Euro,

utilizzati per lo stoccaggio abusivo di ingenti quantitativi di rifiuti speciali anche pericolosi. Nello stesso contesto veniva accertato che le acque di dilavamento dei piazzali ove erano stoccati i rifiuti confluivano, senza preventivo trattamento, mediante scarichi abusivi, all’interno dei corsi d’acqua.

Nel complesso, dalla fine del “lock down”, con riferimento al bacino idrografico del fiume Sarno e dei suoi tributari, l’Arma ha:

-        controllato 195 attività produttive;

-        denunciato  117 persone;

-        individuato 40 scarichi abusivi;

-        sequestrato 6 aree di stoccaggio rifiuti;

-        elevato 27 sanzioni amministrative per un importo pari a  circa € 120.000.

Le attività di controllo sono tuttora in corso e continueranno nel prossimo futuro, con l’obiettivo che si possa addivenire al più presto ad una situazione di conformità a norma di tutti gli scarichi presenti nel bacino idrografico del Sarno.

Partecipa anche tu, con un piccolo contributo, affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE