SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Roma, non basta il covid...allarme polveri sottili

Legambiente: l’aria di Roma torna a saturarsi di polveri sottili, la salute dei romani è messa ulteriormente a dura prova. Intanto 6 stazioni di Metro A chiudono per lavori e per la Metro B Castro Pretorio e Policlinico chiudono senza una data di riapertura

printDi :: 26 novembre 2020 18:52
Roma, non basta il covid...allarme polveri sottili

(AGR) A Roma ancora 2 giorni consecutivi di polveri sottili oltre il limite consentito, secondo quanto riportato dai report giornalieri di Arpa Lazio: il 24 novembre ha segnato un superamento la centralina di Fermi, e sia il 24 che il 25 il limite è stato superato nella centralina Cinecittà e in quella di Via Tiburtina, in quest’ultima siamo già alla giornata numero 37 da inizio anno con valori oltre il limite, ben più del consentito: soglia massima secondo D.Lgs 13/08/10 n.155 è 50 ug/m3 (microgrammi per metro cubo di aria) e il limite massimo di giorni di superamento consentiti è proprio di 35 all’anno.

“L’aria di Roma torna a saturarsi di polveri sottili e come se non fosse sufficiente la pandemia, la salute dei romani è messa ulteriormente a dura prova - commenta Roberto Scacchi presidente di Legambiente Lazio -, non abbiamo di certo bisogno di respirare smog, tantomeno in questo drammatico momento; andavano prese tutte le misure necessarie per evitarlo ma in Campidoglio le idee sembrano altre visto che accade tutto il contrario. Si è tornati a lasciare colpevolmente spenti i varchi ZTL permettendo alle auto di arrivare e imbottigliarsi nel cuore della Capitale; la Metro C è stata disastrosamente ferma per un giorno intero; il trenino della Casilina continua a rimanere attestato alla fermata Centocelle senza continuare lungo i 3 chilometri di tracciato della periferia est; vengono chiuse intere stazioni della metro A e sulla metro B sono addirittura chiuse a tempo indeterminato le stazioni di Castro Pretorio e Policlinico, le due fermate utili a raggiungere il più grande ospedale d’Europa per superficie, nel momento della terribile emergenza sanitaria”.

Ecco quanto riportato ATAC sul proprio sito: ai lavori già eseguiti nella stazione Metro Flaminio seguono quelli della stazione Ottaviano, dal 25 al 28 novembre. Quindi toccherà alla stazione Vittorio Emanuele, chiusa da 3 al 6 dicembre; poi la stazione Lepanto, dal 2 al 5 gennaio; Spagna dal 20 al 24 gennaio 2021; Barberini dal 25 al 31 gennaio e infine alla stazione Repubblica, dal 18 al 21 febbraio. La stazione Castro Pretorio della linea B della metropolitana è chiusa e i treni transitano senza fermare, chiusura necessaria per consentire i lavori di sostituzione di scale mobili e ascensori che hanno raggiunto il limite trentennale di utilizzo; a partire dal 29 novembre, sempre per la sostituzione integrale di scale mobili e ascensori sarà chiusa anche la stazione Policlinico; i tecnici stanno ultimando le ricognizioni per stimare la data di conclusione dei lavori.

“Una vera presa in giro agli utenti del TPL, un’impossibile corsa a ostacoli quotidiana. Ma non tutti hanno la possibilità di rimanere a casa o di muoversi in macchina per studio o lavoro e, nella condizione nella quale si trova oggi il TPL romano, chi si sposta sui mezzi pubblici per scelta o necessità, è gravemente penalizzato soprattutto perché maggiormente esposto ai rischi di contagio”.

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE