SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Vela, mondiali in Australia, azzurri ai vertici nel catamarano

printDi :: 17 febbraio 2020 16:24
Vela, mondiali in Australia, azzurri ai vertici nel catamarano

(AGR) Si sono conclusi in Australia nella baia di Geelong i Mondiali delle tre discipline acrobatiche della vela olimpica, in una giornata nuvolosa e fredda con vento oscillante da 8 a 18 nodi. Tante regate per tutte le flotte, programma rispettato e pomeriggio con le tre Medal Race finalissime tra i primi 10 di ogni classifica che hanno assegnato i titoli mondiali e i podi.La caratteristica più evidente in questa giornata finale è stata la presenza in mare di numerosissime meduse di varie dimensioni, praticamente impossibile evitarle, una presenza che si è sommata a quella delle alghe viste nei giorni scorsi e ha reso insidioso il campo di regata.

NACRA 17 (CATAMARANO MISTO)

Il finale non ha portato gioie alla vela azzurra: avevamo i campioni del mondo in carica ancora in corsa per il podio, ma Vittorio Bissaro (Fiamme Azzurre) e Maelle Frascari (CC Aniene) sono incappati in una giornata poco brillante nelle due manche del mattino (14-16, nella prima hanno anche subito una collisione, per fortuna senza conseguenze per la barca e l'equipaggio) e hanno affrontato la Medal Race (conclusa con un ottimo 4° posto) senza la possibilità aritmetica del podio. Hanno chiuso al 5° posto il Mondiale: un ottimo risultato pur con l'amarezza di veder sfumare una possibile medaglia.

Il titolo è stato vinto in volata dagli inglesi John Gimson e Anna Burnet, davanti a due equipaggi australiani, i fratelli Nathan (oro a Londra 2012 e argento a Rio 2016 nel 49er) e Haylee Outteridge e Jason Waterhouse con Lisa Darmanin (argento a Rio 2016 nel Nacra 17), in piena selezione olimpica tra loro.

Dal canto loro, gli altri azzurri Ruggero Tita (Fiamme Gialle) e Caterina Banti (CC Aniene), hanno confermato il 18° posto finale nonostante una buona regata conclusiva del campionato (27-3 le loro due ultime manche).Curiosità statistica: Italia e Gran Bretagna si sono divisi i quattro Mondiali Nacra 17 del quadriennio olimpico, due a testa, con quattro equipaggi diversi: 2017 Saxton-Dabson (GBR), 2018 Tita-Banti (ITA), 2019 Bissaro-Frascari (ITA) e 2020 Gimson-Burnet (GBR).

49er FX (SKIFF FEMMINILE)

Alla fine le spagnole Tamara Echegoyen e Paula Barcelò hanno conquistato il titolo battendo in una accesa Medal Race le britanniche Charlotte Dobson e Saskia Tidey. Impresa doppia delle statunitensi Stephanie Roble e Maggie Shea, che grazie alla vittoria nella Medal Race conquistano in un colpo il bronzo Mondiale e il ticket USA per Tokyo 2020.

Le azzurre in Finale Gold, Carlotta Omari (Fiamme Gialle) e Matilda Distefano (Triestina Vela), hanno confermato il 22° posto Mondiale (16° di nazione), con un ottimo 7° posto nella prima prova davanti alle migliori, e un 17° nella successiva. Lo score finale delle altre azzurre nella flotta Silver: 33° Alexandra Stalder (CN Bardolino) e Silvia Speri (FV Peschiera)(DNF-6); 35° Margherita Porro (CV Arco) e Sveva Carraro (Aeronautica Militare)(14-7).

49er (SKIFF MASCHILE)

Sempre loro, Peter Burling e Blair Tuke vincono l'ennesimo Mondiale, battendo gli spagnoli Diego Botin e Iago Lopez, secondi, e i tedeschi Erik Heil e Thomas Ploessel, terzi.

Una sola regata per le flotte Silver e Bronze, per questi piazzamenti finali degli italiani: 48° Simone Ferrarese (CV Bari) e Leonardo Chistè (CV Arco) (17 di giornata in Silver); 53° Uberto Crivelli e Jimmy Togni (Marina Militare) (1), primi della flotta Bronze.

Partecipa anche tu, con un piccolo contributo, affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
x

ATTENZIONE