SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Serie A: la 32ma di campionato

printDi :: 15 luglio 2020 16:03
Serie A: la 32ma di campionato

(AGR)  Al termine della 32ma giornata, i valori sembrano consolidati. Risultati: Brescia-Roma 0-3; Cagliari-Lecce 0-0; Fiorentina – Verona 1-1; Genoa-Spal 2-0; Inter-Torino 3-1; Juventus-Atalanta 2-2; Lazio-Sassuolo 1-2; Napoli-Milan 2-2; Parma-Bologna 1-2; Udinese- Sampdoria 1-3. Classifica: Juventus 76, Inter 68, Lazio 68, Atalanta 67, Roma 54, Napoli 52, Milan 50, Sassuolo 46, Verona 44, Bologna 44, Cagliari 41, Parma 39, Fiorentina 36, Udinese 35, Sampdoria 35, Torino 34, Genoa 30, Lecce 29, Brescia 21, Spal 19.                                                                                                                   

Il quartetto di testa rafforza le proprie posizioni, nonostante le strisce negative di Lazio e Inter che nelle ultime tre gare hanno raccolto, si fa per dire, rispettivamente zero e due punti. Entrambe a quota 68 a sei giornate dalla fine, il distacco di nove punti dalla capolista Juventus appare realmente incolmabile. Ma, a proposito di strisce negative, salta agli occhi l’andamento altalenante della Juventus: i quattro punti conquistati dai bianconeri nelle ultime tre gare sono arrivati dalla sonante vittoria nel derby con il Torino (4-1), cui hanno fatto seguito i quattro schiaffoni rimediati a Milano contro i rossoneri di Pioli. Dopo la batosta con il Milan, i bianconeri hanno rischiato grosso nello sconto diretto con la brillante Atalanta e il pareggio (2-2) arraffato agli sgoccioli della gara grazie ad un rigore trasformato da Cristiano Ronaldo, quando ormai la vittoria dei ragazzi di Gasperini era più o meno cosa fatta, sembra proprio troppa grazia Sant’Anto’. Un pareggio che se serve alla Juventus per guadagnare un punto sulle inseguitrici, lascia l’amaro in bocca ai bergamaschi. Sebbene pareggiare sul campo della Juventus sia sempre un risultato di prestigio, nella circostanza il goal di Ronaldo, arrivato ai titoli di coda, ha probabilmente interrotto i sogni scudetto di Gomez e compagni. Vedremo nel prosieguo. Intanto, per non farsi mancare niente, l’Atalanta va inanellando vittorie su vittorie con il risultato che ora è a ridosso di Inter e Lazio. Magari non vincerà lo scudetto ma è fuori di dubbio che questo è il ‘suo’ campionato.                                                                                                 

Diversa la situazione a centro classifica, dove Roma (54), Napoli (52) e Milan sembrano aver consolidato le loro candidature ad un posto nell’Europa League. Vale la pena ricordare che se il Napoli, fresco vincitore della coppa Italia, dovesse arrivare al quinto posto, l’Italia avrebbe diritto ad una quarta squadra partecipante al torneo. In questa prospettiva, l’ultima tornata di partite sarà da non perdere: Sassuolo (46), Bologna (44), Verona (44), ma non dimenticherei il Cagliari (41), si daranno battaglia per accaparrarsi l’ultimo posto utile. Sarà bagarre fino alla fine, potete scommetterci!                                          Nella bassa classifica, Parma (39), Fiorentina (36), Udinese (35), Sampdoria (35), per il momento sembrano essere a distanza di sicurezza dalla zona retrocessione, mentre le performance del Torino destano più di qualche preoccupazione nei tifosi granata. Più giù, mentre Brescia (21) e Spal (19) appaiono virtualmente condannate alla serie B, Genoa (30) e Lecce (29) si giocheranno tutte le loro chance di salvezza in un testa a testa che, è facile presumere, avrà termine all’ultimo secondo dell’ultima giornata, in un crescendo incandescente in cui l’unico dato certo sarà l’incertezza che caratterizzerà il duello tra il glorioso Grifone rossoblu e i tenaci giallorossi salentini.                                                          

Partecipa anche tu, con un piccolo contributo, affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE