SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Mundialido 2020, vince il Marocco ma la festa è di tutti

Dal 1990 il Club Italia Eventi organizza manifestazioni sportive a carattere regionale, nazionale ed internazionale. Ogni stagione il torneo annovera oltre tremila partecipanti. Attraverso il calcio dialogano le diverse comunità di stranieri presenti

print09 agosto 2020 18:40
le squadre in campo

le squadre in campo

(AGR) di Pino Rampolla

Si è concluso ieri sera con la vittoria del Marocco che in finale ha battuto con il classico 2-0 l’Ecuador il Mundialido 2020 al termine di una 22° edizione, speciale ma….. bellissima.

E’ stata una degna finale tra le squadre più forti, confermando l’alto valore tecnico, sportivo e sociale del torneo. Dal 1990, infatti, il Club Italia Eventi organizza manifestazioni sportive a carattere regionale, nazionale ed internazionale. Ogni stagione annovera oltre tremila partecipanti, a conferma dell’alto valore sociale dell’ iniziativa. Tra i principali eventi ideati, curati, gestiti e realizzati dal Club Italia, particolare importanza riveste il Torneo di calcio per Stranieri “Mundialido”. Proposto ininterrottamente dal 1999, si tratta di un progetto di mediazione culturale che fruttando il fascino del gioco più bello del mondo, riesce ad avvicinare, a far dialogare e convivere tra loro le diverse comunità di migranti presenti sul territorio.

La partecipazione a questo prestigioso Torneo è infatti riservata a squadre composte interamente da immigrati, provenienti da  ogni continente. L’iniziativa, apprezzata e consolidata, contribuisce a favorire valori e comportamenti comuni, garantendo agli stranieri pari opportunità e la possibilità di partecipare alla vita sociale. E’ innegabile  il valore rappresentato dal Mundialido  ai fini dell’integrazione sociale e dell’aggregazione, consentendo ai tanti stranieri con i quali condividiamo il nostro territorio, di essere i protagonisti di una iniziativa unica nel suo genere, ricca di contenuti e di spettacolarità. Il Mundialido  promuove i valori propri dello sport che, tramite la sua positività e la sua forza, aiuta a superare le barriere tra i popoli, permette di amalgamare cittadini provenienti da diverse Nazioni, con differente cultura ed etnia, ma che vivono, lavorano, studiano, nello stesso territorio.

Tra tecnici, dirigenti ed atleti, ogni edizione annovera oltre 1.000 partecipanti. Con l’inizio della stagione calcistica, infatti, le varie comunità si dedicano alla supervisione dei vari campionati in scena nella Capitale per “reclutare” nuovi giocatori ed iniziare la selezione per il Mundialido.

Gli incontri del Mundialido si  sono disputati nel periodo  maggio/giugno/luglio presso il centro sportivo Longarina Totti Soccer (Ostia Antica, Roma), dotato di campi di calcio in erba artificiale ultima generazione. La fase finale costituisce un momento di rara intensità agonistica che vede gli atleti coinvolti scendere in campo emozionati ed orgogliosi, con la speranza di vedere inciso il nome del proprio Paese nel prestigioso albo d’oro del Mundialido.

Quest’anno la squadra da battere, ossia, i Campioni in carico era il Brasile.La scorsa edizione aveva visto la compagine sudamericana salire sul trono del Mundialido battendo l'Ucraina. Stavolta, invece è toccato al Marocco fare festa…

Photo gallery

la festa della vittoria
fasi di gioco

Partecipa anche tu, con un piccolo contributo, affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE