SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Ostia, l'Associazione Decimo Solidale: la Sanità del Lazio non ci lasci soli

Biagio Caputi tra i promotori della petizione che vuole rilanciare l'ospedale e rimandare al mittente il ridiemnsionamento in atto nel nosocomio

printDi :: 02 marzo 2020 16:43
Ostia, l'Associazione Decimo Solidale: la Sanità del Lazio non ci lasci soli

(AGR) Biagio Caputi ha presentato questa petizione e l'ha promossa tra i cittadini quale iniziativa dell'Associazione Decimo Solidale di cui, a seguire pubblichiamo il testo. "L'ASL RM3 ha ridotto il numero dei posti letto, si lamenta la mancanza di nomine di primari in alcuni reparti, sono stati chiusi alcuni reparti ed, attualmente, è stato sospeso il "servizio di telemedicina", annunciata dall'amministrazione come una magnifica istituzione. L'Ospedale G.B. Grassi deve far fronte ad una utenza di circa 500/600 mila utenti.

Oltretutto è ancora in corso la "manovra" di ridimensionare l'attività del Laboratorio Analisi dell'Ospedale, a cui afferiscono ben 13 Centri Prelievi, oltre a soddisfare le esigenze interne dell'Ospedale, fra Pronto Soccorso e Degenti. L'attività del Laboratorio Analisi rappresenta un'eccellenza e soddisfa ampiamente le esigenze di analisi (circa 2milioni800mila all'anno), conribuendo alle "casse" dell'ASL RM3 circa 2milioni di euro all'anno, al netto delle spese per personale e strutture tecniche. Con il trasferimento all'Ospedale S. Eugenio, progetto definito "iniquo", appartenente all'ASL RM 3 i benefici economici saranno tolti dall'ASL RM3 ed andranno a finire nelle casse dell'ASL RM2.

La struttura ed il personale in essere nell'Ospedale Grassi ha da anni raggiunto un ottimo livello e l'accuratezza e la compentenza acquisita non potrà essere garantita in quanto l'Ospedale S. Eugenio ha una struttura differente dall'Ospedale Grassi e gravato da ben altri compiti specifici. L'Ospedale Grassi sta per diventare un "grande Pronto Soccorso", a danno dei residenti, al di fuori del G.R.A. e, quindi, a differenza degli altri residenti nei diversi Municipi romani, resta come unico riferimento ospedaliero e di soccorso, proprio perchè all'interno del G.R.A., invece, gli utenti romani hanno più alternative, in quanto hanno a disposizione enti pubblici e strutture private. I residenti  si augurano di non essere "abbandonati" dalla Sanità della Regione Lazio".

Partecipa anche tu, con un piccolo contributo, affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE