SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Ospedale "Grassi" in affanno per i contagi da covid-19

Stefano Barone (Nursind) denuncia: Da anni andiamo dicendo come sindaco infermieri che la carenza di posti letto incide sulla sicurezza di pazienti e infermieri.

printDi :: 10 dicembre 2021 10:27
Ospedale Grassi in affanno per i contagi da covid-19

(AGR) L’Ospedale Grassi di Ostia è in affanno per l’ondata di contagi che si sta riscontrando a Fiumicino. Stefano Barone (Nursind) denuncia: “Questo è lo stato dell’arte di tutta la sanità regionale, da anni il NurSind Roma denuncia la grave carenza di posti letto negli ospedali romani, carenza che incide prepotentemente sul servizio di emergenza.” Il Segretario Provinciale del NurSind, sindacato delgi infermieri, sottolinea che non si tratta di nuovi problemi ma di vecchie questioni organizzative rimaste irrisolte.

L’aumento dei contagi a Fiumicino

Da qualche settimana, nel Comune di Fiumicino, si assiste ad un aumento delle persone positive al Sars Cov-2. Questo ha portato il sindaco Montino ad imporre l'uso della mascherina in alcune aree della città particolarmente trafficate e dove è più facile che si creino assembramenti. "Dalle ultime notizie - riporta la nota sindacale - sembra che siano proprio i cittadini di Fiumicino a recarsi al Grassi, si tratterebbe di persone positive al virus, non vaccinate e con sintomi importanti". “Il Grassi, essendo una struttura piccola con un ampio bacino d’utenza, non riesce a star dietro ai numeri.” - spiega Barone, Segretario provinciale NurSind Roma - Tra l’altro i lunghi tempi d’attesa mettono in difficoltà sia gli infermieri del Ares 118, che quelli del pronto soccorso, i quali si ritrovano spesso ad essere aggrediti da pazienti e familiari esasperati da una cattiva organizzazione.”

Gli infermieri sempre in prima linea

In questa situazione, i pazienti con febbre e sintomi influenzali, sono costretti ad attendere ore in ambulanza, “Ma ne fanno le spese anche gli infermieri – prosegue Stefano Barone- da una parte quelli impossibilitati a proseguire il proprio lavoro in emergenza, perché bloccati in ambulanza al pronto soccorso, dall’altra quelli in prima linea nei pronto soccorso che si trovano ad accogliere pazienti in peggioramento e profondamente frustrati dalla lunga attesa.” Il Segretario Provinciale sottolinea che il disagio organizzativo e amministrativo si riversa a catena su pazienti, medici e infermieri ed incide profondamente sulla qualità delle cure e sulla sicurezza in ambito lavorativo.

Photo gallery

infermiere emergenza covid
Stefano Barone Nurdsind Roma

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE