SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

In tutta Italia la prima edizione della "Giornata della Chirurgia Bariatrica"

Dal 23 al 29 ottobre avrà luogo il Bariatric Surgery Day in tutti i Centri accreditati e di eccellenza riconosciuti dalla SICOB, Società Italiana di Chirurgia dell’Obesità e delle Malattie Metaboliche. L’idea nasce per diffondere una più approfondita conoscenza del problema dell’obesità

printDi :: 24 ottobre 2022 12:18
Persone sovrappeso foto pixabay

Persone sovrappeso foto pixabay

(AGR) La chirurgia dell’obesità ha marcato in Italia un incremento esponenziale, passando dai 7.645 interventi del 2012 agli oltre 25.000 stimati per il 2022 (+ 300%). Ciò è dovuto principalmente all’elevata prevalenza della malattia nel nostro Paese - con oltre un italiano su dieci affetto da obesità - ai risultati ancora insufficienti delle terapie comportamentali e allo scarso ricorso alle terapie farmacologiche più moderne. Malgrado ogni sforzo per selezionare attentamente i malati da sottoporre all’intervento chirurgico, esiste una richiesta molto elevata da parte della popolazione e un’impossibilità del sistema di rispondere alla domanda assistenziale. Non è raro così che i malati lamentino episodi di “scrematura”, venendo esclusi nei fatti dalla possibilità della cura, specie nelle regioni che hanno operato un taglio di posti letto e di risorse. Tutto questo ha condotto al fenomeno della migrazione sanitaria, ora anche all’estero e a pagamento, pur di avere un intervento chirurgico risolutivo nella popolazione generale e in particolare tra i portatori di obesità. Alla base di tutti questi fenomeni è una scarsa conoscenza del problema obesità, della necessità di affrontarla in un’ottica multidisciplinare, delle potenzialità del trattamento chirurgico, dei suoi effetti, dei rischi e dei benefici.

Per diffondere una conoscenza più ampia e articolata di questi temi, la Società Italiana di Chirurgia dell’Obesità e delle Malattie Metaboliche (SICOB) e la sua Fondazione hanno invitato i Centri Accreditati e di eccellenza riconosciuti dalla Società a organizzare la prima “Giornata della Chirurgia Bariatrica “(BSD dall’acronimo in lingua inglese Bariatric Surgery Day), che si terrà in oltre 40 sedi in tutta Italia nella settimana dal 23 al 29 ottobre. L’iniziativa ha dovuto tenere conto delle esigenze della prevenzione del contagio da SARS-CoV2 e si terrà perciò con le modalità che ciascun centro potrà sviluppare nel rispetto della normativa COVID-19.

Lo scopo della giornata è stato ben delineato dal Presidente della SICOb, Prof. Marco Antonio Zappa, che ha dichiarato: “Vogliamo diffondere la conoscenza della Chirurgia dell’Obesità nella popolazione generale e in particolare fra i portatori di obesità, sia coloro che si accingono all’intervento sia coloro che ne hanno beneficiato e sono alla prese con il percorso riabilitativo post-operatorio, per spiegare loro gli aspetti più importanti della chirurgia, i piccoli segreti che rendono facilmente comprensibili e gestibili interventi per loro natura molto complessi.”

“I protagonisti del BSD saranno i pazienti con le loro storie di sofferenza e di riscatto – dichiara il Prof. Diego Foschi, Presidente della Fondazione SICOb. E per questo motivo abbiamo proposto loro i temi dello stigma, della discriminazione verso chi sceglie la via chirurgica, e della guarigione con la chirurgia bariatrica. Raccoglieremo le loro testimonianze come video e le renderemo pubbliche, affinché la comunità bariatrica le possa valutare, votare e selezionare perché divengano documenti di vita, elementi di stimolo per chi affronta questo percorso terapeutico e di monito per quanti si permettono di giudicare: stigmatizzare un malato significa rendergli più difficile la via della guarigione”.

Il Bariatric Surgery Day non sarà, però, solo una testimonianza del valore della chirurgia bariatrica ma anche un’occasione per discutere tutti i problemi che le persone affette da obesità devono affrontare, attraverso incontri, dibattiti e riunioni, in contesti non solo divulgativi ma di vero e proprio intrattenimento. A Bologna, sostenuta da tutti i Centri SICOb dell’Emilia e Romagna, si terrà uno spettacolo teatrale sullo stigma dell’obesità, provocatoriamente intitolato “Ciccioni”. “Dario Bettini, un nostro collega chirurgo dell’obesità di Forlì, ha realizzato questa performance con l’aiuto di ex pazienti – afferma il Prof. Paolo Bernante responsabile della Chirurgia Bariatrica del Policlinico Sant’Orsola, che ha organizzato la giornata – con lo scopo di dare voce a contributi originali e molto significativi”.

Per conoscere  l’elenco diviso per regione  dei Centri che aderiscono all’iniziativa basta collegarsi al  sito della Fondazione SICOB:

https://www.fondazionesicob.it/index.html

Photo gallery

Dr. Marco Antonio Zappa presidente SICOB
Dr. Diego Foschi presidente Fondazione SICOB

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE