SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

X Municipio, Antonio Di Giovanni, addio alla Commissione Trasparenza e Garanzia, troppo politicizzata

Di Giovanni: decisione maturata nel tempo ed a seguito di ripetuti comportamenti autarchici del Presidente, più volte sollecitato ad una maggior condivisione o scambio di informazioni, ritengo che la Commissione sia stata trasformata in un Comitato elettorale

printDi :: 13 luglio 2021 19:56
X Municipio, Antonio Di Giovanni, addio alla Commissione Trasparenza e Garanzia, troppo politicizzata

(AGR) Ultimi screzi politici in X Municipio. Lo scontro in Commissione Controllo e Garanzia, presieduta da Pietro Malara, capogruppo di FdI. Questione del contendere sono i permessi per il Villaggio dello Sport , su cui si è montato un caso politico, forse da entrambe le parti. Una visione opposta, in sostanza, dei fatti che ha portato ad una spaccatura, oggi, dopo che lo stesso Antonio Di Giovanni (capogruppo M5S) aveva chiesto le dimissioni dello stesso presidente Malara per il comportamento giudicato poco rispettoso nei confronti degli altri membri di Commissione. Poi, la decisione che di fatto non consentirà più, almeno per questa legislatura alla Commissione Trasparenza e Garanzia, di riunirsi. Antonio Di Giovanni ha di seguito spiegato le motivazioni del suo gesto : “Mi sono dimesso questa mattina, con una lettera inviata all’ufficio di Presidenza del Consiglio, dalla Commissione Speciale Controllo e Garanzia, non potendo più tollerare l’uso strumentale ed irrispettoso che il Presidente Malara continuava ad attuare. La mia decisione di rassegnare le dimissioni è maturata nel tempo ed a seguito di ripetuti comportamenti autarchici del Presidente, da me più volte sollecitato ad una maggior condivisione o scambio di informazioni con gli stessi membri commissari come anche, ad esempio, le richieste di Commissione a norma di regolamento da parte della maggioranza, continuamente eluse, dopo aver preso esso stesso impegni, finanche durante i Consigli, con la promessa di convocare al più presto.

A nulla sono valsi i tentativi e le richieste di una maggior collaborazione, anzi spesso e mio malgrado, nella maggior parte dei casi, mi sono trovato insieme ai miei colleghi di maggioranza, ad arrivare in Commissione senza mai aver precedentemente preso visione della documentazione relativa l’oggetto della convocazione.

Inoltre, il Presidente Malara in più occasioni ha acquisito dagli ospiti presenti una documentazione di cui non sempre si è chiarita la provenienza che, invece, doveva essere precedentemente acquisita attraverso un accesso agli atti da parte dello stesso Presidente e comunicata con congruo anticipo ai commissari. Ritengo, gravi ed inaccettabili i comportamenti del Presidente, che ha permesso in più di un’occasione all’interno della Commissione che alcuni ospiti e consiglieri di opposizione ingiuriassero la parte politica di maggioranza, spesso con gravi accuse, non supportate da nessun elemento probatorio, senza intervenire a limitare episodi di questo tenore. Non avendo più intenzione di tollerare una simile condizione, ho rassegnato stamattina le mie dimissioni, in quanto quello che dovrebbe essere il luogo istituzionale per la ricerca della trasparenza e della verità è stato trasformato in un Comitato elettorale, a scopo di mera propaganda politica”.

Photo gallery

antonio di giovanni

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE