SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Infernetto, gli immigrati del Centro di accoglienza sono positivi? Servono risposte definitive

Con una nota FdI chiede chiarimenti su quanto accade all'interno del centro di via Porrino, dove ci sarebbero solo tre positivi di cui, due avrebbero tentato di scappare. La cittadinanza vuole conoscere l'effettiva situazione e la Asl deve dare risposte.

printDi :: 01 novembre 2020 19:19
Infernetto, gli immigrati del Centro di accoglienza sono positivi? Servono risposte definitive

(AGR) I cittadini dell'Infernetto vogliono conoscere la verità e sopratuttole condizioni di salute degli immigrati ospitati in via Porrino. Da quindici giorni le notizie sulla positività o meno di alcuni degli ospiti della struttura si sono succedute senza però tracciare una mappa chiara dell'attuale situazione.

“Dopo più di 15 giorni, da quando la positività di circa 10 immigrati all’interno del centro d’accoglienza di Via Porrino all’Infernetto che ha fatto scattare l’isolamento per tutti gli occupanti del centro. Ad oggi, infatti, la maggior parte degli immigrati risulterebbe negativo al tampone, mentre solo per 3 immigrati il risultato sarebbe stato ancora positivo.

Si tratterebbe di 3 afgani, mentre uno sembrerebbe eseguire quanto prescritto dalle autorità sanitarie e resta confinato nella struttura, gli altri due connazionali hanno provato più volte a scavalcare le mura per girare indisturbati per il quartiere seppur positivi. Fermati e sorpresi all’esterno avrebbe spinto gli agenti della Polizia di Stato a richiedere al Prefetto di Roma l’adozione di ulteriori misure restrittive per i due soggetti.

 In tutto ciò, l’amministrazione del X Municipio tace e come loro anche la ASL Roma 3 che al momento non ha ancora fornito risposta ad una lettera inviata assieme al capogruppo di FdI nel X Municipio Pietro Malara, con la quale si chiedevano informazini dettagliate sulla reale situazion in maniera da poter tranquillizare la cittadinanza. 

Riteniamo che forse sarebbe il caso dopo 20 giorni di allarmi che la ASL e sopratutto la nostra amministrazione, proceda ad informare la cittadinanza, sempre più allarmata dalla situazione” Ha dichiarato in una nota Francesco Bucci esponente di Fratelli D’Italia

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE