SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Fiumicino, c'era una volta la Lega, dimissioni in massa dal partito di Salvini

La Lega di Fiumicino si spacca e mette in crisi il centrodestra. A scatenare la rivolta e l'uscita in massa la decisione di Commissariare il direttivo assunta dalla direzione regionale del partito. Federica Poggio: non potendo avere ritorsioni contro De Vecchis se la prendono con noi

printDi :: 25 febbraio 2022 13:11
lega fiumicino, raccolta firme referendum giustizia una delle iniziative avviate sul territorio

lega fiumicino, raccolta firme referendum giustizia una delle iniziative avviate sul territorio

(AGR) "La decisione di commissariare il partito di Fiumicino – si legge in una nota stampa del Direttivo della Lega - non ci lascia altra via che andarcene in massa. Evidentemente al lavoro fatto per radicare il partito sul territorio e alle competenze i vertici regionali hanno preferito un insulso servilismo. Se questa è la strada che vogliono intraprendere in bocca al lupo….”. La Lega di Fiumicino di fatto, si spacca….dopo l’uscita del senatore De Vecchis (passato nei giorni scorsi ad Italexit) la situazione è precipitata e la decisione di commissariare Fiumicino ha scatenato la reazione di quanti, invece, avevano sempre rispettato le indicazioni politiche che arrivavano dai vertici del partito.

Federica Poggio, consigliera comunale, spiega la sua decisione: “Ieri sera ho ricevuto una chiamata grottesca. La Lega Lazio ci ha comunicato la sua intenzione di commissariare il direttivo locale. Una scelta talmente grave da non permettermi più di rimanere in questa casa che non riconosco più mia e di avere alcun tipo di ripensamento. Al coordinatore Giuseppe Picciano e a tutto il direttivo va la mia immensa gratitudine per il lavoro svolto in questi anni. Purtroppo in questo partito, ormai lacerato da insulse guerre intestine, non contano più valori e qualità ma esclusivamente il servilismo ai potenti di turno. Oggi ragazzi e ragazze che in questi mesi, pur di fronte ai pesanti scivoloni dei vertici nazionali e regionali, hanno comunque tenuto la barra dritta senza abbandonare una nave alla deriva (sarebbe stato più conveniente), pagano non per propri errori o chissà cosa ma per le decisioni di due persone, il Senatore De Vecchis e il collega Vincenzo D’Intino, che a differenza nostra e loro hanno scelto un’altra strada.

Non potendo fare ritorsioni contro i due fuoriusciti – continua la Poggio - i vertici regionali della Lega hanno deciso di scagliarsi, con una violenza politica inimmaginabile, contro ragazzi e ragazze per bene, puliti, che politicamente non hanno più nulla a che vedere con chi se n’è andato ma che, naturalmente, con loro negli anni scorsi hanno condiviso una militanza e dunque anche un’amicizia. Dopo l’uscita di De Vecchis e D’Intino abbiamo immediatamente dichiarato in colloqui privati ai vari coordinatori laziali che, pur di fronte una condotta che a livello nazionale e regionale facevamo fatica a comprendere, saremmo rimasti fedeli alla parola data chiedendo però un rilancio del partito.

Abbiamo continuato le nostre lotte, non ultima sul centro di trasferenza, mettendoci la faccia e facendo seguire al nostro cognome la denominazione Lega. Per tutta risposta è stato deciso di commissariare il partito, come fosse roba loro, e consegnarlo probabilmente nelle mani di chi in questi anni non ha mai lavorato per il bene del territorio ma ha solo lusingato i potenti di turno gettando fango sul nostro gruppo per accaparrarsi qualche delega e appiccicarsi un paio di stellette sul petto da sfoggiare nelle serate di gala. Questa decisione, - conclude la Poggio - vale la pena precisarlo a chiare lettere, mina la compattezza del centrodestra a Fiumicino e rischia di creare una pensante e insanabile spaccature in vista delle elezioni del giugno 2023. Se questa è la Lega che vogliono se la prendano pure. Il nostro percorso ce l’abbiamo bene in mente, con o senza quel simbolo. Si tengano la scatola vuota, il contenuto lo portiamo con noi”.

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE