SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Cimitero Laurentino, per l'ampliamento solo ritardi ingiustificati

Piero Cucunato, capogruppo Lega IX Municipio nell'attuale situazione di caos dei cimiteri rilancia: sono mesi che chiediamo l’attivazione delle procedure per l’avvio e la ripresa dei lavori. Manca autorizzazione Sovrintendenza, inaccettabile in emergenza

printDi :: 27 gennaio 2021 18:05
cimitero laurentino

cimitero laurentino

(AGR)  "Sono mesi che chiediamo l’attivazione delle procedure per l’avvio e la ripresa dei lavori sul Cimitero Laurentino, ma il Municipio e il Campidoglio ad oggi sono ancora fermi” -  E ‘ quanto  dichiara  Piero Cucunato, Consigliere e Capogruppo Lega Salvini Premier al IX Municipio Roma Eur.

“Sono passati oramai diversi mesi dopo aver avanzato la richiesta in Consiglio e Commissione sul riavvio dei Lavori di ampliamento fermi ormai dal 2017, presentando  una proposta di mozione – sottolinea Cucunato, nel documento articolato in tutte le sue parti chiedevo al Presidente del Municipio e al Sindaco di attivare ogni azione amministrativa per ampliamento e  la risoluzione delle problematiche legate alla carenza di spazi nel Cimitero. “Ad oggi la situazione è ferma anzi è peggiorata a seguito del Covid19 siamo in piena emergenza spazi.  A nulla è valsa la convocazione dell’Ama in Commissione e in Consiglio Municipale  per accelerare l’iter - continua nella nota il consigliere Cucunato  -  Le motivazioni dello stop dei lavori, furono la mancanza delle autorizzazioni preventive della sovraintendenza speciale archeologica belle arti e Paesaggio sull'area".

“Questa motivazione oggi non regge più,- conclude Piero Cucunato - soprattutto dopo che il progetto con le relative autorizzazioni approvate è stato consegnato al  Campidoglio in data 30 ottobre 2020. Le parole e le promesse di questa amministrazione sul tema,  non servono più, in questa emergenza e bisogna andare avanti con l’ampliamento. Per questo abbiamo sollecitato è chiesto che l’emergenza diventi priorità, non è rispettoso per le famiglie e per i defunti una situazione del genere, soprattutto in una società civile che si definisce tale”.

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE