SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Spaccio...attività di "famiglia", quattro in manette

Gestivano il traffico di sostanze stupefacenti in famiglia con un guadagno accertato di almeno 30 mila euro mensili. A seconda della droga da acquistare i "clienti" venivano inviati al secondo o al quarto piano dell'edificio.

printDi :: 14 gennaio 2021 12:04
Spaccio...attività di famiglia, quattro in manette

(AGR) Madre, figlio, cugina e compagna del figlio tutti appartenenti ad un clan ben noto nella capitale. L’organizzazione era consolidata e ben strutturata, i clienti, telefonicamente si accertavano della disponibilità della droga e, in caso positivo venivano dirottati o al quarto piano, dalla cugina o all’ottavo piano, appartamento abitato o comunque dove erano presenti la compagna e la madre. Al centro sempre lui S.B., 28enne romano arrestato nel febbraio del 2020 dagli agenti del VI Distretto Casilino, diretto da Michele Peloso, perché trovato in possesso di alcuni grammi di cocaina e ben 32.600 euro in contanti, oltre a manoscritti riportanti nomi e cifre e sostanza atta al taglio e al confezionamento della sostanza. Da lì gli agenti, avendo intuito che lo stesso potesse aver messo in piedi un’associazione dedita allo spaccio di eroina – in concorso con i propri familiari, avevano avviato un’attività investigativa fatta di intercettazioni telefoniche ed ambientali.

Hanno così ricostruito la struttura organizzativa del sodalizio che gestiva la piazza di spaccio, arrestando nel corso delle indagini, sempre per spaccio di eroina, M.S la madre 43enne, due volte la cugina, N.A di 22 anni e lo stesso S.B. che ai domiciliari continuava a spacciare dalla finestra della sua cucina. Accertata la responsabilità di ogni singolo componente all’interno della struttura criminale, hanno chiesto all’Autorità Giudiziaria competente misure cautelari a loro carico. Tenuto conto dell’ingente guadagno quantificato in almeno 30 mila euro mensili, nonchè degli arresti avvenuti durante l’indagine, lunedì scorso i poliziotti hanno eseguito le misure disposte dal Tribunale di Roma.  M.S e S.B, madre e figlio sono finiti in carcere, P.M. la compagna di S.B., ai domiciliari e per N.A, la cugina, è scattato l’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria.

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE