SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Fiumicino, il sindaco Montino: pronti a costituirci parte civile contro chi diffonde fake news sulla scuola

Nelle scorse ore esponente del FdI ha diffuso notizie false sostenendo che in alcune scuole ci siano classi in cui mancano le sedie e gli alunni sono costretti a sedersi per terra. Sono dichiarazioni che la preside ha ritenuto diffamatorie.

printDi :: 16 settembre 2020 20:07
Fiumicino, il sindaco Montino: pronti a costituirci parte civile contro chi diffonde fake news sulla scuola

(AGR) "Ho ricevuto copia della querela che la dirigente della scuola G.B. Grassi di Fiumicino ha sporto oggi contro il capogruppo di Fdi in consiglio comunale Stefano Costa che, nelle scorse ore, ha diffuso via internet notizie false, sostenendo che nella scuola in questione ci sono classi in cui mancano le sedie e gli alunni sono costretti a sedersi per terra". Lo dichiara il sindaco Esterino Montino."Affermazioni gravissime - prosegue il sindaco - che la professoressa Sorce ha, giustamente, ritenuto anche diffamatorie nei confronti della scuola e del suo ruolo di dirigente".

"Nello stesso video, il consigliere Costa parla genericamente di istituti scolastici, lasciando intendere che ci sia una situazione drammatica diffusa - prosegue Montino -, cosa non vera. L'allusione alla nostra conferenza stampa sulla riapertura delle scuole ha il chiaro intento di far credere che l'amministrazione sia responsabile di avere riaperto le scuole lasciando i bambini seduti a terra. E questo è falso".

"Per questa ragione, se la magistratura riterrà che ci siano gli estremi per procedere sulla base della denuncia presentata oggi dalla professoressa Sorce, noi ci costituiremo parte civile al suo fianco". "Il confronto politico può essere anche aspro e spesso lo è - conclude il sindaco -, ma diffondere notizie false speculando sulle comprensibili preoccupazioni delle famiglie non è politica: è propaganda sulla pelle dei bambini, delle famiglie, del lavoro del personale scolastico, dei docenti e dei dirigenti. E non è ammissibile".

Partecipa anche tu, con un piccolo contributo, affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE