SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Ferrovia Roma-Viterbo, ultimatum dei pendolari al personale per i salti delle corse: pronti a denunciare

Il Comitato pendolari Roma Nord denuncia: la tratta della ferrovia Roma-Viterbo è stravolta dalle soppressioni di treni,a causa del rifiuto del personale di svolgere turni di straordinario.La tratta Catalano-Viterbo è rallentata serve più responsabilità

printDi :: 18 ottobre 2020 19:38
Ferrovia Roma-Viterbo, ultimatum dei pendolari al personale per i salti delle corse: pronti a denunciare

(AGR) “Anche nella giornata di ieri, sabato 17 ottobre, l’intero esercizio della ferrovia ex-concessa Roma-Viterbo è stravolto dalle soppressioni di treni, derivato dal rifiuto del personale di condotta/scorta di svolgere turni a straordinario. Siamo all’assurdo, la tratta Catalano-Viterbo è praticamente sospesa”. È quanto riferisce in un comunicato congiunto il Comitato Pendolari RomaNord e l’Associazione TrasportiAmo. “Siamo stati sempre affianco ai lavoratori Atac, della Viterbo come delle restanti linee metroferroviarie e della Superficie, ma stavolta ci sentiamo costretti a prendere le dovute distanze”. 

“L’utenza non intende essere più ostaggio dei capricci di nessuno- , precisa Fabrizio Bonanni (Comitato), - vuole un servizio decente, per cui paga l’abbonamento. Tutto il resto, al di fuori di questo parametro, non interessa. Siamo intenzionati a proseguire con la nostra opera di denuncia, tramite i nostri legali per andare in fondo alla questione, che va oltre la trattazione tra azienda e sindacati e che ha già gravemente compromesso i diritti dei cittadini utenti della ferrovia e che non possiamo tollerare e perdonare”.

“Occorre essere realistici e responsabili”, aggiunge David Nicodemi (TrasportiAmo): “C’è l’accordo raggiunto da Atac e i Sindacati dello SCUA il 14 ottobre, importante traguardo, sintesi della pressione dell’utenza, delle Organizzazioni e della Regione Lazio, che riconosce il metodo finora applicato per calcolare le indennità di macchinisti e capitreno e che, per farla breve, non toglie neanche un solo euro dal VAP e alle loro buste paga. Di fronte a questo risultato, riteniamo ingiustificabile la scelta oltranzista adottata all’indomani della sua firma da quegli stessi lavoratori, che lede soltanto il diritto alla mobilità e alla salute di migliaia di cittadini, e non sembra tener conto delle concessioni date dall’Azienda negli ultimi cinque anni, sotto il profilo dei turni e dei relativi compensi. Al personale consigliamo vivamente di porre fine a questa forma di protesta, dannosa, e di scegliere le vie dettate dalle leggi e normative, meno traumatiche, per tutelare i propri interessi. Questa condotta tra l’altro potrebbe essere interpretata come un’interruzione di pubblico servizio, aggravata dall’attuale emergenza sanitaria da Covid-19. Ribadiamo, occorre essere realistici e responsabili”. 

Intanto, è notizia dell'ultim'ora Atac attiva bus sostitutivi per sopperire alal carenza di corse. "Secondo fonti qualificate Atac ha messo in cantiere, nelle ultime ore, un piano alternativo da attuare nel caso in cui la protesta del personale di condotta/scorta non dovesse rientrare". Lo riferisce in una nota l’Associazione TrasportiAmo. "Già nella giornata di domani, lunedì 19 ottobre, sono garantire le prime e ultime partenze ferroviarie, da Flaminio, Montebello, Catalano e Viterbo, e le corse negli orari di massima affluenza, in modo da consentire la mobilità agli studenti e ai lavoratori. Inoltre, parte dei treni extraurbani viene sostituito dal servizio bus, come tra l’altro richiesto nella nota trasmessa lo scorso 15 ottobre, condivisa col Comitato Pendolari RomaNor".

"Desta invece preoccupazione la notizia, secondo la quale un lavoratore del deposito di Viterbo sarebbe risultato positivo al Codiv-19. Attendiamo l’ufficialità, non è nostra intenzione creare allarmismi, certo è che qualora l’informazione dovesse essere confermata, sicuramente i colleghi con i quali è stato a contatto, finirebbero in quarantena e l’esercizio nella tratta Catalano-Viterbo subire ripercussioni". "La situazione si complica di ora in ora, anche a livello nazionale, facciamo nuovamente appello al senso di responsabilità dei macchinisti e capitreno affinché cessino la protesta con effetto immediato, onde evitare l’acutizzarsi delle criticità e incontrovertibili reazioni".

Partecipa anche tu, con un piccolo contributo, affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE