SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Sweet Home all'Abarico Teatro

printDi :: 11 febbraio 2020 16:39
Sweet Home all'Abarico Teatro

(AGR) Dal 28-29 febbraio e 1 marzo 2020 alle 21 all’Abarico Teatro (San Lorenzo) andrà in scena “Sweet Home”commedia di Luca di Pierno e la collaborazione di Vasco Meddi, con la partecipazione di Stefano Dattrino, Luca di Pierno. David Lecca, Vasco Meddi e la regia di Umberto Bianchi. La storia è ambientata alle Tremiti.“Le isole”, luogo di confino per tutti coloro che sono accusati di sessualità non conforme alla norma. In un nontempo/nonluogo, il Più Alto, leader supremo a capo della “rivoluzione di quelli che strisciano”, ha pieno potere decisionale su tutto. L'assurdità e la pesantezza della vita di confino condurrà i protagonisti della vicenda a scoprire l'essenza più profonda dell'animo umano, fatta di contraddizione e ambiguità. In un mondo in cui troppo spesso non ci accorgiamo di essere noi stessi i nostri carcerieri, come si può raggiungere la forza di scegliere la libertà….? I personaggi vivono grazie ad una sedia, studiata, scelta, resa ora oggetto di scena, ora parte del sé. Essi stessi vivono tutto e il contrario di tutto. Vivono della sedia la parte più vera, quella che l'estetica nasconde e solo discostandosi da essa riescono a trovare una quotidianità emotiva che li liberi, o forse no, dalle costrizioni e dalle dinamiche sociali.

“Il tema dell'omosessualità, di accettare sé e gli altri, di vivere la propria vita secondo criteri di scelta soggettiva è solo un pretesto per riportare a galla un pezzo di storia della nostra terra che in pochi conoscono. È il pretesto giusto per renderci conto che si fa ancora fatica a trovare il centro di noi; si fa fatica a mostrare la nostra “sedia”, alla quale rimaniamo ancorati per paura di perderci: siamo tutti capaci di essere carnefici da seduti, vittime di noi stessi e delle nostre emozioni più profonde. E se quella sedia la ribaltassimo? Se fossimo capaci di scegliere la libertà, anche in prigionia, e rendere casa ogni luogo in cui dobbiamo vivere e, famiglia ogni persona con cui siamo costretti ad interagire? E se potessimo amare, imprescindibilmente, ed essere amati, liberamente? Se non ci fossero, sedie o barriere? La risposta è solo una: sapremmo sempre dov'è casa e la strada per tornarci, ovunque essa sia, qualunque essa sia, comunque essa appaia” (Umberto Bianchi).

Abarico Teatro

Via dei Sabelli 116 (San Lorenzo)

28 – 29 febbraio e 1 marzo 2020 - Ore 21.00

Partecipa anche tu, con un piccolo contributo, affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
x

ATTENZIONE