SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Meno male che ci sei (Luis Prieto, 2009)

print25 novembre 2009 10:56
(AGR) I legami più forti sono quelli più improbabili. Un tragico evento irrompe nella vita di Allegra, ragazza spensierata alle prese con l'ultimo anno di liceo. La solitudine e l'isolamento dei suoi compagni di scuola diventano costanti della sua vita e sembra non uscire dal tunnel della sofferenza. Per via di alcune circostanze conosce Luisa, trentenne sognatrice e maldestra che aveva da anni una relazione con il padre di Allegra. Le due donne tentano di ricostruire un nucleo familiare e affettivo per cercare di lenire la sofferenza di entrambe. Ma Allegra ha imparato che non tutto nella vita va come dovrebbe andare, e crescere è sempre un difficile percorso. Meno male che ci sei non è niente di nuovo nel cinema italiano: in qualche modo non pretende di essere innovativo ma riesce a essere interessante. Luis Prieto, reduce dall'enorme successo di Ho voglia di te, si cimenta di nuovo in un altro libro dai toni rosa e adolescenziali, quello di Maria Daniela Ranieri. La storia attraversa due generazioni di donne: Allegra (Chiara Martegiani), ragazza giovane e problematica, alle prese con le prime spine d'amore e con un terribile lutto da gestire; e Luisa, donna che non sempre fa la cosa giusta ma che comunque mantiene una purezza e una sincerità da sognatrice. Vengono messe a confronto due tipi di femminilità, due mondi che collidono e si scontrano producendo non pochi problemi e gag di convivenza. Questo cliché dell'adulto e dell'adolescente tipico di alcune commedie poteva essere orchestrato meglio, e non sempre l'atmosfera comica che si vuole creare produce un sorriso spontaneo. É forte il senso di famiglia (non convenzionale) e della maternità. All'inizio del film Allegra si lamenta della situazione familiare, ma quando rimane orfana cerca un legame e un loro ricordo tangibile e conosce colei che forse era la conseguenza o la causa dei problemi dei suoi genitori. Così fugge dai nonni (l'unica famiglia che gli era rimasta) per poter stabilire un legame del tutto straordinario con Luisa (Claudia Gerini), l'amante del padre. La visione positiva della donna e il suo senso latente di maternità aiuta Allegra nel suo processo di crescita. I toni morbidi del Teen-drama vengono appesantiti da un'atmosfera di forte tragicità: molti eventi sono shockanti, fortemente maturi e realistici, e non privano lo spettatore di un sapore amaro, e il comportamento autodistruttivo di Allegra è una scintilla che innesca molti compli di scena. Meno male che ci sei riserva molti momenti commoventi e drammatici grazie anche a un ottima colonna sonora (Pasquale Catalano) che sottolinea e valorizza questi momenti. Inoltre l'intimità che si vive in molte scene nella casa di Luisa determinano una forte immedesimazione e senso quotidianità familiare. Eppure la forma del film non è ben delineata: sembra una commedia, poi un dramma adolescenziale, e anche una storia d'amore, e infine un dramma tradizionale; inoltre, come accade di solito nelle commedie italiane e non solo, la comicità irrompe direttamente dalla televisione con la presenza di una protagonista di Zelig. Insomma è tutto e niente. L'autrice del romanzo, e in seguito la produzione e il regista della pellicola, non hanno preteso di dare un etichetta e un'impronta specifica alla trama, così facendo hanno voluto lavorare su un vasto pubblico, benché quello di partenza (quello del libro) è prettamente femminile e adolescenziale. Come si è ben notato la storia ha un punto di vista femminile, e la donna viene tratteggiata in tutti i suoi aspetti (ricalcando alcune convenzioni caratteriali piuttosto fiacche e monotone da vedere). Invece l'uomo sembra quasi farne da cornice, e non viene sempre descritto di buon occhio. L'eccezione è Gabriele (Alessandro spreduti), ragazzo semplice e di buon cuore, primo amore di Allegra, che si contrappone a Giovanni (Guido Caprino), il nuovo compagno di Luisa, il quale ha un indole immatura e irresponsabile, e che durante la pellicola farà scelte discutibili ed eticamente scorrette. Durante la storia questi due personaggi compiono tragitti diversi: il primo riesce a mantenere una posizione di adulto, mentre il secondo finisce con l'essere sottoposto a una critica efferata da parte della scrittrice del romanzo e del regista. É una storia che racconta l'unione, la forza e la delicatezza di due donne che vogliono ricominciare. Si nota subito l'intenzione di trasmettere buoni sentimenti e un senso di speranza, ma purtroppo il tutto è rovinato da un contesto attoriale/interpretativo che rasenta la mediocrità in alcuni momenti, mentre in altri il ridicolo. É ancora acerba Chiara Martegiani aka Allegra, provieniente dal programma di Amici, ma che ha ottime potenzialità. La sceneggiatura annoia per i dialoghi e allo stesso tempo incuriosisce, giocando su una costante tensione drammatica che fortunatamente riserva alcuni colpi di scena. Il finale è discutibile, ma non sarebbe un film italiano se fosse il contrario. (from Cinezone.com) di Riccardo Rudi

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE