SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Fiumicino, le categorie chiedono altri sforzi...sgravi per gli affitti, blocco sfratti e stop tasse

Associazione Lungomare: se Roma e il suo aeroporto sono fermi Fiumicino rischia di fare la stessa fine. Abbiamo stimato che potrebbero esserci 3mila disoccupati tra diretto e indotto. Ristori subito, ma servono altri interventi: sgravi affitti e blocco sfratti

printDi :: 29 ottobre 2020 20:09
Fiumicino, le categorie chiedono altri sforzi...sgravi per gli affitti, blocco sfratti e stop tasse

(AGR) “Io resto aperto” è lo slogan che  accompagna la protesta degli esercenti di bar e ristoranti in corso oggi pomeriggio dinanzi agli uffici del comune di Fiumicino, una protesta silenziosa, composta, ma il silenzio in questi casi è assordante e sotto la cenere cova la disperazione, i nervi sono a fior di pelle. Serve qualcosa di più. Lo chiedono le categorie, ma lo chiedono anche i cittadini.

“In qualità di presidente dell’associazione Lungomare della Salute di Fiumicino, - riferisce Massimiliano Mazzucca -  che coinvolge molte delle più importanti attività nel campo della ristorazione e della balneazione del comune tirrenico, ho partecipato, portando la nostra testimonianza, alla conferenza indetta questa mattina a Roma da Confesercenti e Assoturismo.

La situazione è gravissima. Fiumicino, inutile nasconderci, vive di turismo. Se Roma e il suo aeroporto sono fermi noi rischiamo di fare la stessa fine. Abbiamo stimato che potrebbero esserci 3mila disoccupati tra diretto e indotto. Come ho potuto ribadire anche oggi è necessario che gli interventi annunciati dal Governo siano immediatamente attivati e non rimangano lettera morta.

Servono sgravi per gli affitti – sottolinea Mazzucca - ed un piano per bloccare gli sfratti, lo stop di tutte le tasse. Aiuti concreti per salvare un settore che, andando a gambe all’aria, rischia di creare migliaia di disoccupati e una voragine economica nelle casse dello Stato. Le aziende chiuse non versano contributi. È un vantaggio per tutti aiutare questi settori a superare il momento e tornare, speriamo il prima possibile, alla normalità”

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE