SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Scuola, ecco il decreto per salvare l'anno scolastico

Fondamentale la data del 18 Maggio. Se non si rientra tra i banchi niente prova di terza media, tutti promossi mentre per la maturità esame orale in modalità online

printDi :: 06 aprile 2020 22:06
Lucia Azzolina, Ministra della Pubblica Istruzione

Lucia Azzolina, Ministra della Pubblica Istruzione

(AGR) La data del 18 Maggio sempre più decisiva. Il Consiglio dei ministri ha infatti varato il decreto per la scuola. Se non si dovesse tornare a scuola entro quella data, niente esame di terza media ma solo valutazione del Consiglio di classe prevedendo la consegna anche di un elaborato da parte degli studenti. Per i maturandi invece, gli esami saranno con un'unica prova orale anche in via telematica. Scenario differente in caso di ritorno in classe il 18 maggio. Per la maturità ci sarà una prova nazionale di italiano, la seconda prova sarà preparata dalla commissione interna. Le commissioni per i quasi 500 mila maturandi saranno tutte interne. Il decreto prevede che tutti possano essere ammessi all’anno successivo, ma tutti saranno valutati, nel corso degli scrutini finali, secondo l’impegno reale.

E per gli studenti non coinvolti nelle prove finali? Sul sito del ministero dell'Istruzione si legge: «Congelato, per quest’anno, il meccanismo dei debiti alla secondaria di II grado. All’inizio di settembre, infatti, invece degli abituali corsi di recupero delle insufficienze, sarà possibile, per tutti i cicli di istruzione, dalla primaria fino alla classe quarta del secondo grado, recuperare e integrare gli apprendimenti».

Soddisfatta la ministra Azzolina: «C’è stato uno sforzo importante da parte di tutti. La didattica a distanza ci ha aiutato a salvare l’anno scolastico. Non sostituisce e non potrà mai sostituire del tutto, ovviamente, la didattica in presenza. Ma era l’unica risposta possibile per non lasciare soli bambini e ragazzi e garantire loro il diritto allo studio previsto dalla Costituzione».

Approfondimenti

Partecipa anche tu, con un piccolo contributo, affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE