SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Ostia Antica, la città dell'acqua

print25 settembre 2019 16:23
Ostia Antica, la città dell'acqua
(AGR) Riprendono con l'autunno le conferenze di Archeologia Pubblica e Legalità organizzate dal Parco Archeologico di Ostia Antica. Obiettivo puntato sull’uso dell’acqua, una risorsa fondamentale per l’antica Ostia che sorgeva sopra una falda d’acqua dolce.Oggi pomeriggio, infatti, dalle ore 17.00, il direttore Mariarosaria Barbera presenterà gli studi sul sistema idraulico di Ostia Antica avvalendosi del contributo di due esperte, l’architetto Elettra Santucci e l’archeologa Silvia Calvigioni. E’ il diciottesimo appuntamento con le Conversazioni di archeologia pubblica e legalità che il Parco archeologico di Ostia Antica offre nella sala multimediale dell’Antiquarium, all’interno degli scavi.

“In questa occasione – ha fatto sapere il direttore Barbera- sarà possibile vedere da vicino uno straordinario reperto, una grande ruota idraulica in legno rinvenuta presso le Terme dei Cisiarii (carrettieri) che conserva le tasche idonee a pescare l'acqua dal sottosuolo per sollevarla e renderla utilizzabile per gli usi termali”.

Dalle rilevazione effettuate dagli archeologi sembra che pescavano dalla falda più di 60 pozzi, ai quali si aggiungevano numerose ruote idrauliche: “Ostia Antica disponeva di acqua dolce in quantità, si può dire che fosse una città galleggiante su una estesissima falda, che rendeva l'acqua disponibile a meno di tre metri di profondità” osserva Elettra Santucci, architetto e studiosa di idraulica antica.

“La prima colonia romana si caratterizzava del resto, per il suo rapporto con l'acqua: nasce in un territorio alla confluenza del fiume Tevere nel mar Tirreno, è dotata di un porto fluviale e le strutture della città si affacciavano direttamente sulla spiaggia. Inoltre, poteva contare su una ricca circolazione idrica, una falda freatica di acqua dolce sfruttabile attraverso lo scavo di pozzi e l'uso di ruote idrauliche di legno”.

Un'accurata distribuzione permetteva poi di disporre d'acqua corrente nelle abitazioni, nelle terme, nelle oltre 250 fontane, nei condomini e nelle latrine.Queste ultime avevano grandissima importanza tra le infrastrutture igienico-sanitarie delle città romane. “Potevano essere sia private come quelle che ad Ostia Antica vediamo nelle domus più ricche o nei condomini, ma anche pubbliche. Infatti è stata la civiltà romana la prima a predisporre questi ambienti per l'utilizzo di tutti i cittadini” spiega l'archeologa Silvia Calvigioni.

“Le latrine erano ambienti tecnologicamente molto avanzati: al loro interno si poteva trovare acqua corrente predisposta per pulirsi e per lavarsi, ma erano anche allacciate alla rete fognaria cittadina, cosa che garantiva lo smaltimento dei rifiuti e la sanità dell'ambiente”.

Partecipa anche tu, con un piccolo contributo, affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
x

ATTENZIONE