SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Michele Gammino, la voce di Hollywood racconta l'altra faccia del cinema

"Eravamo ansiosi di tornare a lavorare". Esordisce l’uomo la cui voce ha fatto sognare generazioni di italiani, interpretando i panni di Harrison Ford, Kevin Costner, Jack Nicholson, Richard Gere, ora le registrazioni,occupano più tempo, questo aumenta i costi

printDi :: 16 giugno 2020 22:53
Gammino impegnato nel doppiaggio

Gammino impegnato nel doppiaggio

(AGR) Dal 15 porte aperte ai cinema ed ai teatri. Lentamente il mondo dello spettacolo torna a vivere, per ora a piccoli passi, ma l’obiettivo è quello di tornare a correre, di rivedere le sale piene, gli spettacoli affollati, gli applausi scroscianti. Nel periodo di quarantena le serie tv e film hanno tenuto compagnia a migliaia di ragazzi e adulti. Alcuni canali hanno addirittura trasmesso episodi di serie sottotitolati, altri si sono affidati a repliche nel rispetto della salute e della professione dei doppiatori. Da maggio, però, per andare incontro alle esigenze di messa in onda e per non penalizzare un intero sistema il mondo del doppiaggio è stato uno dei primi a ripartire. Si è iniziato a lavorare alle nuove produzioni, l’autunno è dietro l’angolo.

Si lavora però secondo le nuove regole imposte dalla pandemia. In ottemperanza al protocollo di sicurezza, con molta cautela e tempi di lavorazione diradati, le sale hanno iniziato a lavorare. Tra queste sono tornati in funzione gli studi della CDC Sefit Group, società leader del settore, nella quale lavora come doppiatore e direttore Michele  Gammino una delle voci storiche di questo lavoro, conosciuto  per aver dato la voce ad Harrison Ford, Kevin Costner, Jack Nicholson, Richard Gere e tanti altri attori importanti di Hollywood.

Lo abbiamo incontrato mentre era impegnato, come sempre, in sala registrazione:  “Ho vissuto questi mesi di fermo come tutti quelli che sono stati costretti a stare a casa e quindi con tutti gli stabilimenti chiusi, le produzioni ferme ecc...Per quanto riguarda il mio lavoro sono rimasto “sospeso”, non ero preoccupato ma solo ansioso di sapere quando avremmo potuto ricominciare a lavorare in qualche maniera…Me lo ripetevo tutte le sere, ma non trovavo soluzioni, perché  il nostro lavoro prevede che ci sia una cabina di regia nella quale ci devono essere come minimo due persone, le sale di doppiaggio non molto ampie prevedono una presenza fissa dell'assistente, un leggio con tre tecnici che lavorano e altri due che controllano, quindi, tutta questa organizzazione era impossibile immaginare come poteva e quando essere riattivata.

Poi sono state trovate una serie di soluzioni che hanno permesso la ripresa in tutta sicurezza e nel rispetto del distanziamento, ad esempio nella cabina di regia dove c'è un direttore ed un fonico è stato posto al centro un divisorio di plexiglas in modo da evitare il contatto fisico, ovviamente vengono utilizzate mascherine e tutto ciò che serve per sanificare gli ambienti. Nella sala di doppiaggio ci deve essere una persona per volta al leggio, un copione e una cuffia per ognuno, l'assistente in sala è presente se lo spazio è sufficiente e anche lì c'è una barriera divisoria.

Con tutta questa organizzazione la situazione pare risolta; poi in realtà si creano una serie di circostanze che prevedono l'utilizzo contemporaneo di più persone. Prima si poteva lavorare assieme, adesso, ovviamente,  non si può fare, per cui se ci sono quattro personaggi che dialogano fra loro bisogna registrare uno per volta e poi montare il tutto. Questo implica un allungamento dei tempi. Per esempio per doppiare una scena per il quale si poteva impiegare anche una settimana di lavoro, ora stiamo impiegando esattamente  il doppio del tempo portando a un aumento di costi e una diminuzione del livello artistico. In questo periodo mi sto occupando della direzione del doppiaggio delle ultime puntate della stagione di “Flash”, dovevano essere 22 episodi invece al diciannovesimo si è fermata la produzione per cui la stagione finirà prima. Senza la diffusione del virus avremmo finito l’intera serie un mese fa. Invece, oggi, siamo all’inizio. Le regole negli stabilimenti sono molto rigide e vengono rispettate fino a che non ci sarà il libera tutti e si potrà riprendere come una volta”.

                                                                                                                                                                    Fed. Gamm

Partecipa anche tu, con un piccolo contributo, affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE