SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Mario Proto, passione fotoreporter

Mario Proto, con le sue immagini, ha raccontato per quasi 50 anni i fatti più importanti della città di Roma, grandi e piccoli, soprattutto di cronaca nera. Con la sua macchina fotografica ha visto e documentato decine di fatti di cronaca. Venerdì 16 dicembre, alle ore 11, a Palazzo Valentini

printDi :: 13 dicembre 2022 15:55
Mariio Proto passione fotoreporter locandina

Mariio Proto passione fotoreporter locandina

(AGR) “Mario Proto, Passione Fotoreporter” è l’evento organizzato dalla Presidenza dell’Assemblea Capitolina di Roma Capitale per rendere omaggio, a due anni dalla scomparsa, al fotografo del Corriere della Sera. L’incontro è in programma venerdì 16 dicembre alle ore 11 nella sala Di Liegro di Palazzo Valentini alla presenza della moglie e dei due figli di Mario Proto.

Sono previsti gli interventi della presidente dell’Assemblea Capitolina Svetlana Celli, che ha promosso l’iniziativa; del vicesindaco della Città Metropolitana di Roma Pierluigi Sanna; di amici e colleghi che hanno lavorato al suo fianco; del prefetto Francesco Tagliente; di Fiorenza Sarzanini e Giuseppe Di Piazza del Corriere della Sera; e di due fotoreporter d’eccezione, Rino Barillari e Maurizio Piccirilli.

Mario Proto, con le sue immagini, ha raccontato per quasi 50 anni i fatti più importanti della città di Roma, grandi e piccoli, soprattutto di cronaca nera. Con la sua macchina fotografica ha visto e documentato - tra i primi - la strage della scorta di Aldo Moro di via Fani, la vicenda di Alfredino Rampi, il bimbo caduto nel giugno del 1981 in un pozzo nelle campagne di Vermicino, la cattura di Renato Vallanzasca, l'arresto dell'attentatore del Papa, Ali Agca.

Il suo obbiettivo ha inoltre seguito tutti i grandi gialli degli anni '90, dal delitto di via Poma a quello dell'Olgiata all'omicidio di Marta Russo, la studentessa assassinata all'università La Sapienza, fino al delitto di Mario Cerciello Rega, il vicebrigadiere dei carabinieri colpito a morte vicino piazza Cavour nell'estate del 2019.

Per anni in forza al Corriere della Sera, è stato un punto di riferimento per almeno due generazioni di cronisti e giovani fotografi. La battuta sempre pronta, un sorriso gentile per tutti, Mario Proto aveva pubblicato, tra le ultime immagini, anche quelle di una Roma deserta, impaurita e sconvolta dal Covid, che la notte del 14 dicembre 2020 l’ha portato via a 67 ann

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE