SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

"Cinelido" al porto turistico, il Festival del cinema breve italiano

Il Festival si inserisce in un progetto di rilancio e di riqualificazione socio-culturale del Municipio X. L’obiettivo è quello di gettare un ponte tra culture diverse che si affacciano sul Mediterraneo ed offrire al pubblico delle periferie l’occasione di avvicinarsi e conoscere il cinema breve.

printDi :: 13 luglio 2022 17:41
Cinelido presentazione ufficiale evento

Cinelido presentazione ufficiale evento

(AGR) La “magia” ed il fascino del cinema che sul litorale ha trovato sempre spunti ed ideali location approda al Porto Turistico di Roma, uno dei beni confiscati più grandi d’Europa, con una manifestazione-evento da incorniciare: l’arena all’aperto di Cinelido - Festival del Cinema Italiano, dedicato alla promozione e valorizzazione del cinema breve e dei talenti emergenti italiani.

Dopo il successo dello scorso anno, la manifestazione che è stata valorizzata ed impreziosita, avrà inizio domani sera 14 luglio alle 21,30 e accompagnerà le notti al porto fino al 17 luglio prossimi con un ricco calendario di incontri e di proiezioni – totalmente gratuito - rivolti al pubblico degli appassionati e degli addetti ai lavori nell’ambito dell’Estate Romana.

“Cinelido” è organizzato da Zen Movie, una delle più importanti realtà europee operanti nel mondo del cortometraggio, fondato dal regista Premio David di Donatello Giulio Mastromauro, Direttore Artistico del Festival, da Andrea Cicini, A. D. dell’agenzia di comunicazione Gruppo Matches e da Alberto De Angelis di Hundred Dreams Production.

Il Festival si inserisce nel progetto di rilancio e di riqualificazione socio-culturale del Municipio X di Roma. L’obiettivo è quello di gettare un ponte tra culture diverse che si affacciano sul Mediterraneo ed offrire al pubblico delle periferie l’occasione di avvicinarsi al cinema breve.

Madrine del Festival saranno alcune tra le giovani stelle nascenti del cinema italiano: le attrici Angela Curri, Eleonora De Laurentis, Chiara Vinci e Gaja Masciale affiancheranno nella presentazione delle quattro serate il regista e attore Niccolò Gentili, che condurrà sul palco di Cinelido anche in questa seconda edizione.

Il Presidente di Giuria dell’edizione 2022 sarà il regista Phaim Bhuiyan, già vincitore del David di Donatello per il Miglior Esordio con il film Bangla e regista dell’omonima serie RAI. Si conferma anche la caratteristica formazione popolare della giuria, composta da appassionati di cinema e da studenti del Municipio X di Ostia, con la collaborazione del Punto Luce delle Arti di Ostia e di Save The Children Italia.

Le 34 opere in concorso - suddivise tra le diverse sezioni Mediterranea, Altri Lidi e Cinelido - sonoselezionate da un Comitato diretto e coordinato dai registi e sceneggiatori iraniani Ali Asgari e Farnoosh Samadi (membri dell’Academy), che nell’ambito dell’evento presenteranno anche il corto “Pilgrims”, da loro diretto, e quest’anno in cinquina per il David di Donatello al miglior cortometraggio.

Il Festival si aprirà domani, appunto, Giovedì 14 luglio con la sezione Mediterranea, che ogni anno dedica un focus alla cinematografia di un Paese affacciato sul Mar Mediterraneo. Dopo la prima edizione che ha avuto come protagonista l’Albania, questa volta toccherà alla Bosnia ed Erzegovina, la cui specifica cinematografia è anche simbolo di resistenza e di rinascita dalle ceneri del conflitto dei Balcani, grazie alla collaborazione con Association of Filmmakers of Bosnia and Herzegovina e con il Sarajevo Film Festival. A coordinare la sezione e ad aver selezionato i titoli di Mediterranea sono stati il regista Ado Hasanovic – che presenterà fuori concorso il suo cortometraggio “Pink Elephant” – e la regista Elma Tataragić, Presidente dell’ Association of Filmmakers of Bosnia and Herzegovina.

Venerdì 15 luglio, invece, sarà la volta dell’Evento speciale dedicato ai Corti d’Argento. Dopo aver ospitato lo scorso anno alcuni dei migliori registi esordienti premiati al David di Donatello, Cinelido ha voluto offrire nella seconda edizione una vetrina ai cortometraggi insigniti dei Nastri d’Argento (Corti d’Argento), il prestigioso riconoscimento assegnato dalla stampa di settore. A dialogare col pubblico e con i registi dei dieci lavori selezionati per l’occasione, sarà la Presidente del Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici Italiani, Laura Delli Colli.

Il programma di Sabato 16 luglio vedrà la presentazione e la premiazione dei corti selezionati per il Concorso Internazionale “Altri Lidi”. Tra le presenze istituzionali sul palco, anche quelle di Manuela Pineskj, segretario generale Accademia del Cinema Italiano, di Mohammad Taghi Amini, direttore dell’Istituto di Cultura dell’Iran a Roma, e di Maria Di Razza e Ulysse Serres, selezionatori della sezione.

La serata finale di Domenica 17 luglio, infine, proporrà la visione dei sei corti scelti nell’ambito delConcorso Nazionale “Cinelido”, con la premiazione conclusiva a cui parteciperanno anche Manuela Rima di Rai Cinema ed una delegazione della FICE – Federazione Italian Cinema d’Essai.

"Cinelido è un festival di cinema che nasce dal territorio ed è legato a nodo stretto al luogo che lo ospita, il Porto Turistico di Roma. - afferma il direttore artistico del festival Giulio Mastromauro - In un momento storico in cui a farla da padrone sono i contenuti generalisti e di piattaforma, abbiamo deciso di andare controcorrente riconfermando la scelta di una programmazione di cinema d’autore e introducendo anzi una giornata in più di proiezioni.

Lo scorso anno questa scelta ci ha premiati con un’affluenza incredibile e l’ampio supporto delle istituzioni. Credo che il territorio di Ostia abbia percepito lo spirito di Cinelido: un momento di leggerezza e riflessione, uno spazio fisico e virtuale di condivisione all’interno del quale il pubblico può incontrare artisti e ospiti internazionali e scoprire attraverso il prezioso formato del cortometraggio un cinema poco conosciuto, fatto di storie, emozioni e culture diverse. Un cinema che sia lo specchio della contemporaneità ma allo stesso tempo universale".

IL PRESIDENTE DI GIURIA PHAIM BHUIYAN

Phaim Bhuiyan, nasce a Roma classe 95, originario del Bangladesh, sviluppa la passione del mondo audiovisivo all’età di 14 anni. Inizia come youtuber approcciandosi in maniera amatoriale alle tecniche di ripresa e di montaggio. Dopo l’esperienza sul web decide di diventare filemmaker,realizzando video musicali per rapper della periferia romana e band punkrock. Nel 2013 realizza un breve documentario “essere o non essere… italiani” per la casa di produzione Zalab sotto la supervisione di Andrea Segre.

Nel 2014 vince una borsa di studio allo IED nella sezione di Video Design e Filmmaking ed accresce le sue conoscenze tecniche e teoriche. Nel 2016 lavora per la produzione Fremantle, nel programma televisivo “Nemo nessuno escluso” insieme all’autore Francesco Medosi realizza “L’amore ai tempi delle seconde generazioni” Nel 2019 esce al cinema il suo primo lungometraggio Bangla, prodotto da Fandango con TimVision, vincendo anche diversi premi come miglior opera prima ai Globi D’oro (2019) Miglior Commedia ai Nastri D’argento (2019) e come miglior regista esordiente ai David di Donatello (2020).

Nel 2022 esce Bangla - la serie prodotta da Fandango insieme a RaiFiction su Raiplay e in onda suRai 3 realizzata in co-regia insieme ad Emanuele Scaringi, che vince anche come miglior commedia ai Nastri D’argento - Grandi serie.

Prima serata di Cinelido – giovedì 14 luglio, ore 21.30 – 00.00 Concorso “Mediterranea” e Premiazione in collaborazione con Association of Filmmakers of Bosnia and Herzegovina e con il Sarajevo Film Festival

Serata presentata da Niccolò Gentili e dall'attrice Angela Curri

Ospiti speciali:

Phaim Bhuiyan, presidente di giuria

Elma Tataragic, regista e presidente dell’Association of Filmmakers of Bosnia and

Herzegovina

Ado Hasanović, regista e curatore della sezione Mediterranea

Ali Asgari e Farnoosh Samadi, registi e capi selezionatori di Cinelido

Opere in Concorso:

SJEĆAM SE (2016) di Elma Tataragić - 15’

DAH (2018) di Ermin Bravo - 13’

INTERVJU (2018) di Nermin Hamzagić - 19’

JAMA (2019) di Alban Ukaj - 11’

PIVAC (2018) di Sabrina Begović Ćorić - 19’

Opere Fuori Concorso:

ORFEJ (2013) di Tina Kalinić - 4’

KOKOŠKA (2014) di Una Gunjak - 15’

PINK ELEPHANT (2017) di Ado Hasanović - 17’

I cortometraggi finalisti concorreranno per il Premio al Miglior CortometraggioMediterranea, oltre al Premio Rai Cinema e al Premio FICE (cui concorrono tutti i corti delle tre sezioni competitive)

Photo gallery

il regista Phaim Bhuiyan, presidente di giuria
Cinelido presentazione manifestazione
cinelido locandina 2022

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE