SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Al teatro del Lido, con il patrocinio dell'ANPI X Municipio, la presentazione del libro "La Resistenza a Roma Orazione civile”

Alla presentazione saranno presenti gli autori che verranno intervistati da Marco Gisotti. Interverranno con le letture: Paola Zambardi e Carlo Boumis. Non vuole essere un libro di storia sulla Resistenza a Roma ma cronaca di un preciso momento storico.

printDi :: 18 ottobre 2021 14:51
resistenza a roma presentazione libro

resistenza a roma presentazione libro

(AGR) Con il patrocinio dell’ANPI Sezione Elio Farina - X Municipio e in collaborazione con OSTIA INCONTRA L’AUTORE Martedì, 19 ottobre alle ore 17,00 al Teatro del Lido di Ostia (Via delle Sirene, 22 Lido di Ostia) verrà presentato il volume:“La Resistenza a Roma Orazione civile”di Silvano Falocco e Carlo Boumis di Le Commari Edizioni

Saranno presenti gli autori che verranno intervistati dal giornalista Marco Gisotti. Interverranno con le letture: Paola Zambardi e Carlo Boumis. Ingresso libero ed accesso consentito con Green Pass. Già dalle prime righe de La Resistenza a Roma. Orazione civile di Silvano Falocco e Carlo Boumis, si capisce che non si ha tra le mani un libro di storia sulla Resistenza a Roma, ma, come dicono gli autori, una cronaca di un preciso momento storico.

Il ritmo volutamente serratissimo, “una voragine di eventi” che va dal 18 luglio 1943 al 5 giugno 1944, non dà respiro. La voragine ci porta a Roma sotto i bombardamenti, al Ghetto, nelle borgate; ci racconta del coraggio di donne e uomini, di quei partigiani che hanno scritto una delle pagine più significative della Resistenza europea.

[…]“Nessuno di noi ha mai pensato di poter scrivere un libro di storia sulla Resistenza a Roma.

Abbiamo invece creduto che, per comprendere a fondo quelle scelte e la loro dimensione morale, fosse necessario immergerci nel tempo. Il tempo dei bombardamenti, degli attacchi dal cielo, dei quartieri rasi al suolo, della fame, dell’assalto ai forni. Il tempo della Gestapo, della Repubblica Sociale Italiana, del lavoro forzato, dei rastrellamenti nazisti, delle deportazioni nei lager.Il tempo del fascismo colonialista, delle leggi razziali, della persecuzione dei rom e dei sinti, del confino, dei campi di concentramento, internamento, lavoro e prigionia: 109 nel Lazio, che nessuno oggi ricorda”.

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE