SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Truffa da 40 mila euro su facebook, scoperti ed ammanettati due ivoriani

Le indagini sono iniziate dopo che una cittadina italiana aveva presentato denuncia contro una persona conosciuta su Facebook che era riuscita a farsi consegnare dalla vittima 40 mila euro. Ad incontro per nuova richiesta denaro si presenta la polizia.

printDi :: 24 maggio 2021 11:09
Truffa da 40 mila euro su facebook, scoperti ed ammanettati due ivoriani

(AGR) Dovranno rispondere del reato di truffa aggravata, resistenza a Pubblico Ufficiale e sostituzione di persona i due cittadini della Costa D’Avorio D.M. e K.F., arrestati dagli investigatori del commissariato Prati, diretto da Filiberto Mastrapasqua. Le indagini sono iniziate dopo che una cittadina italiana aveva presentato una denuncia contro una persona conosciuta su Facebook che, attraverso artifizi e raggiri, era riuscita a farsi consegnare dalla vittima 40 mila euro. Ricevuta la somma richiesta, aveva raccontato alla donna di essere stato arrestato da personale delle Dogane di Fiumicino e che per essere liberato, gli occorrevano 23 mila euro da consegnare ad un funzionario delle Dogane all’Aeroporto.

La donna, d’accordo con gli inquirenti, fissato un appuntamento, si è recata all’aeroporto dove però non si è presentato nessuno. Successivamente la persona conosciuta sui social, ha prima tentato inutilmente di farsi accreditare la somma tramite bonifico, poi ha organizzato un incontro durante il quale la donna avrebbe dovuto consegnare il denaro ad un conoscente dell'uomo tale "Enzo", che l’avrebbe contattata tramite cellulare.

All’incontro però si sono presentati anche gli investigatori del commissariato Prati che hanno fermato i due stranieri che, malgrado abbiano opposto resistenza, tentando la fuga, sono stati bloccati e accompagnati negli uffici di polizia. Gli arrestati sono stati trovati in possesso del telefono con il quale avevano contattato la vittima ed una carta post-pay utilizzata per una analoga truffa avvenuta nel nord Italia.

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE