SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Segni. La compagna lo lascia e lui comincia a perseguitarla, dopo le minacce le chiede anche una somma di denaro

Incredibile storia di violenza famigliare a Segni. Un 40enne è stato arrestato dalla Polizia di Stato per i reati di estorsione e atti persecutori

printDi :: 12 febbraio 2021 20:13
Segni. La compagna lo lascia e lui comincia a perseguitarla, dopo le minacce le chiede anche una somma di denaro

(AGR) Sono stati gli investigatori del commissariato Colleferro, diretto da Francesco Mainardi, che nel pomeriggio di ieri, in via Milana a Segni, a seguito di una breve indagine hanno arrestato in flagranza R.A. 40enne di Colleferro, per i reati di estorsione e atti persecutori. I fatti sono cominciati dopo le festività natalizie, quando la decisione della vittima di interrompere la relazione con il compagno, scatenava le ire dell’uomo che ha cominciato a minacciarla e a molestarla in modo da cagionare un perdurante e grave stato d’ansia, tanto da temere per la propria incolumità.

In particolare l’uomo la tormentava con telefonate e messaggi minacciosi a tutte le ore del giorno e della notte, aspettandola per strada o nei luoghi che la donna abitualmente frequentava, arrivando ad aggredirla spingendola violentemente a terra in diverse occasioni.

La vittima terrorizzata dalle possibili ritorsione da parte dell’uomo non si era mai rivolta ai sanitari né alla polizia.

Le minacce sono culminate con la richiesta di circa 2 mila euro, che la donna avrebbe dovuto consegnare al suo persecutore che altrimenti le avrebbe  ”spezzato le gambe”.

Quando la donna, terrorizzata, ha finalmente deciso di denunciare i fatti alla Polizia di Stato, gli investigatori del commissariato, hanno organizzato un incontro protetto, con il suo aguzzino nel parcheggio di un supermercato in via Milana a Segni per la consegna del denaro.

I poliziotti dopo aver fotocopiato le banconote sul lato seriale, hanno munito la vittima di un registratore, oltre a predisporre una squadra in borghese per proteggerla.

Quando R.A. si è presentato all’appuntamento, appena ha preso la busta col denaro è stato arrestato dagli agenti della Polizia di Stato e deferito all’Autorità Giudiziaria di Velletri, che disponeva per lui la misura degli arresti domiciliari.

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE