SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Sami Modiano, memoria vivente della Shoah

La Comunità ebraica di Roma, per la Giornata della Memoria, ha preparato una serie di iniziative online. La mattina del 27 gennaio, infatti, l’appuntamento sarà sulla pagina Facebook della Comunità con un incontro con Sami Modiano, sopravvissuto ad Auschwitz

printDi :: 25 gennaio 2021 20:24
Sami Modiano

Sami Modiano

(AGR) di Pino Rampolla

Il 27 gennaio è la Giornata della Memoria e, anche per il 2021, sono tantissimi gli eventi organizzati in ogni parte d’Italia per ricordare le violenze della Shoah. In questo giorno del 1945, infatti, le truppe sovietiche entrarono nel campo di concentramento di Auschwitz, dove sono morti migliaia di deportati. Obiettivo della giornata internazionale è non dimenticare quanto accadde nei lager. Con seminari, incontri, mostre e concerti, ogni città prepara una serie di appuntamenti con testimonianze del genocidio avvenuto tra il 1939 e il 1945. A causa dell’emergenza Covid-19, quest’anno la gran parte delle iniziative sarà fruibile online da ogni parte del Paese.

Per non dimenticare

Per non dimenticare

Anche la Comunità ebraica di Roma, per la Giornata della Memoria, ha preparato una serie di iniziative online per permettere a tutti di “incontrarsi”, seppur virtualmente. La mattina del 27 gennaio, infatti, l’appuntamento sarà sulla pagina Facebook della Comunità con un incontro con Sami Modiano, sopravvissuto ad Auschwitz, intervistato dalla presidente Ruth Dureghello. Si tratta di un evento indirizzato a tutte le scuole d'Italia che non potranno partecipare a iniziative in presenza. Si tratta di una conversazione intima, nella casa del sopravvissuto, sul significato della Memoria e sull'importanza della speranza al giorno d’oggi

Samuel (detto Sami) Modiano, 90 anni compiuti il 18 luglio scorso, da ragazzino, nel 1944, fu internato con il papà Jacob e la sorella Lucia nel campo di sterminio di Auschwitz-Birkenau. Riuscì, unico della sua famiglia, a sopravvivere all'orrore e poi, da adulto, ha scelto di farsi "memoria", con la sua stessa vita e il suo corpo marchiato con il numero B7456. Sami Modiano in occasione della Giornata della Memoria del 27 gennaio 2021: “Devo avere la forza di raccontare ai giovani e di far sapere a tutti l’orrore che i miei occhi hanno visto”. Sami, da sempre in prima linea nel raccontare l’orrore di Aushwitz crede che difendere la memoria di ciò che è stato possa servire anche oggi. “Credo che nulla sia paragonabile con la Shoah, la macchina di sterminio più spietata che l'umanità abbia mai conosciuto, uno strumento concepito per annientare.

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE