SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Roma, presi a Genova gli autori del tentato omicidio del maggio scorso, sono tre sudamericani

La vittima doveva rientrare a casa perchè sottoposto ad un provvedimento dell'Autorità Giudiziaria e quando ha parcheggiato l'auto il killer ha aperto il fuoco ferendolo alle gambe. I tre si erano allontanati in tutta fretta e sono stati bloccati a Genova, avevano due pistole e 2 kg. di hashish

printDi :: 20 giugno 2024 16:15
Carabinieri arresto tre sudamericani

Carabinieri arresto tre sudamericani

(AGR) I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Gruppo di Frascati hanno dato esecuzione a una ordinanza applicativa della custodia cautelare in carcere, emessa dal GIP del Tribunale di Roma, a carico di tre uomini, tutti di origine sudamericana, gravemente indiziati di essere gli autori materiali del tentato omicidio di G. T., avvenuto a Tor Bella Monaca 

A seguito del grave fatto di sangue, sin dai primi istanti, gli investigatori dei Carabinieri, diretti dai magistrati della D.D.A. della Procura di Roma, hanno percorso diverse piste investigative, concentrandosi in particolare nel battere, palmo a palmo, le aree più prossime al luogo ove si è consumato il delitto.      

L’incessante ricerca di elementi di indagine ha consentito di individuare, mediante la visione di alcune telecamere di videosorveglianza, una autovettura in sosta in una via prossima a via Scozza negli attimi dell’agguato e in quelli immediatamente successivi. Partendo da tale dato, atteso che a bordo dell’autovettura attenzionata citata erano saliti due uomini aventi caratteristiche fisiche rispondenti ai dati investigativi acquisiti, i Carabinieri hanno focalizzato, mettendo a sistema gli elementi contenuti nelle Banche Dati con quelli visivi forniti dalle varie telecamere acquisite, tutte le attenzioni su una determinata auto individuandone successivamente il numero di targa.    
E così, interrogando ogni fonte a disposizione, i Carabinieri, tracciando sul territorio i movimenti del veicolo, sono riusciti a risalire all’identità degli odierni indagati risultati essere tre uomini, di origine sudamericana anagraficamente residenti a Genova.           
L’identificazione dei tre uomini ha poi consentito di analizzarne il modus operandi e di raccogliere gravi indizi di colpevolezza in ordine al fatto che, gli stessi sarebbero partiti da Genova nei giorni precedenti all’agguato; avrebbero effettuato diversi sopralluoghi prodromici all’azione delittuosa; avrebbero osservato la vittima decidendo di colpirla nel momento di maggiore vulnerabilità, quando cioè aveva l’obbligo di rincasare perché sottoposta a un provvedimento dell’A.G.; avrebbero abbandonato di gran lena il luogo ove si è verificato il tentato omicidio, scomparendo dai radar.

Nel corso delle fasi esecutive di questa mattina, unitamente ai Carabinieri del Comando Provinciale di Genova, sono state rinvenute e sequestrate complessivamente due pistole e circa 2,3 Kg di hashish riconducibili ai tre soggetti. Uno per l’appunto, 24enne domenicano, è stato localizzato nel comune di Genova dove gli è stata notificata l'ordinanza, venendo poi ristretto nella locale Casa Circondariale. Gli altri due indagati, un 32enne domenicano e un 33enne colombiano, sono stati invece localizzati e arrestati mentre si stavano allontanando da Roma – direzione sud - e sono stati tradotti in carcere.

É importante precisare che, in considerazione dello stato del procedimento, gli indagati devono considerarsi innocenti fino ad eventuale sentenza definitiva.       

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE