SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Roma, due ladre sorprese in via Giulio Cesare mentre forzavano la porta di un appartamento

I militari le avevano seguite fino a quando giunte al secondo piano di uno stabile, sono state notate mentre si accertavano della presenza dei proprietari di un appartamento. In quel momento i carabinieri sono intervenuti bloccandole proprio mentre stavano tentando di forzare la porta di ingresso.

printDi :: 29 settembre 2022 16:08
Carabinieri arnesi da scasso sequestrati

Carabinieri arnesi da scasso sequestrati

(AGR) Ieri pomeriggio, i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Centro hanno bloccato una 27enne e una 14enne, entrambe senza fissa dimora, che erano state notate aggirarsi con fare sospetto nei pressi di alcuni condomini. I militari, insospettiti dallo strano atteggiamento delle due giovani, hanno deciso di effettuare un servizio di pedinamento che si è protratto per diverso tempo fino a quando sono state notate entrare in uno stabile di viale Giulio Cesare, in zona Ottaviano.

I militari, le hanno seguite fino a quando giunte al secondo piano, sono state notate mentre si accertavano della probabile presenza dei proprietari in un appartamento. Dopo di che i militari sono intervenuti bloccandole proprio mentre stavano tentando di forzare la porta di ingresso. Addosso alle due, a seguito della perquisizione personale, i militari hanno rinvenuto e sequestrato vari oggetti atti allo scasso e una lastra in plastica rigida.

Portate in caserma, la 27enne è stata arrestata per tentato furto aggravato e possesso ingiustificato di chiavi alterate e grimaldelli in concorso, mentre la più piccola, appena 14enne, non imputabile, è stata affidata ad una casa famiglia individuata a cura della Sala Operativa Sociale del comune di Roma. Al termine dell’udienza di convalida, la 27enne è stata sottoposta alla misura cautelare dell’obbligo di firma per un 1 anno e sei mesi.

Il procedimento versa nella fase delle indagini preliminari per cui l’indagata deve considerarsi innocente sino alla condanna definitiva.

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE