SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Rissa e rapina, sei arresti nella Capitale

Sono state sei le persone complessivamente messe a disposizione della autorità giudiziaria da parte degli agenti della Polizia di Stato perché responsabili rispettivamente di lesioni e resistenza a pubblico ufficiale, rissa e rapina.

printDi :: 07 ottobre 2021 11:00
Rissa e rapina, sei arresti nella Capitale

(AGR) Proseguono senza sosta i servizi disposti dal Questore di Roma per la prevenzione e la repressione dei reati, in particolar modo per risse, aggressioni e rapine, anche su strada. Sono 6 le persone complessivamente messe a disposizione della autorità giudiziaria da parte degli agenti della Polizia di Stato perché responsabili rispettivamente di lesioni e resistenza a pubblico ufficiale, rissa e rapina.

Ad intervenire per la segnalazione di una rissa adiacente ad un’attività commerciale sono stati i poliziotti del III Distretto Fidene Serpentara, quelli della Sezione Volanti e del II Distretto Salario.  Al loro arrivo i poliziotti sono stati subito contattati da un cittadino peruviano 29enne che ha riferito loro di aver subito un’aggressione, avvenuta  da poco, per la quale aveva riportato una ferita grave al setto nasale. L’autore dell’aggressione, un romano di 27 anni, a torso nudo, con una ferita al capo per una ferita auto procuratasi con una bottiglia di vetro, è stato immediatamente individuato e bloccato dagli agenti sul marciapiede. Nel corso delle operazioni di soccorso della vittima da parte di personale medico del 118 il 27enne ha provato ancora ad aggredire nuovamente il 29enne, scagliandosi poi ripetutamente con calci e pugni contro i poliziotti.

Dopo che il 27enne ha rotto i finestrini dell’autovettura con i colori di istituto, i poliziotti hanno accompagnato il giovane in ospedale dove è stato sottoposto a TSO.  Per lui è scattata una denuncia per lesioni aggravate e resistenza a pubblico ufficiale. La vittima per le fratture alle ossa nasali e trauma distruttivo del rachide cervicale è stato giudicato guaribile con una prognosi di 25 giorni s.c. Al momento non sono noti i motivi dell’aggressione, sui quali la polizia continua ad indagare. Sono invece stati arrestati dagli agenti della sezione Volanti per rissa, i 4 uomini, che si sono picchiati all’interno del sottopassaggio sottostante a piazza del Sant’Uffizio.

A chiamare il NUE 112 uno degli partecipanti, F.V.E., 34enne originario di Napoli, dicendo di essere stato minacciato da una persona armata di coltello. Dalle prime ricostruzioni fatte dai poliziotti, anche grazie alla testimonianza resa dal capo scorta del sito dell’Esercito in servizio a piazza Sant’Uffizio, gli agenti hanno potuto capire che il 34enne insieme a G.L, 62enne originario di Salerno, entrambi ubriachi, si erano picchiati con altre due persone, nel sottopassaggio sottostante alla piazza con altri 2 uomini, M.K., 30enne di origine polacca ed un altro straniero di cui è ancora in corso la identificazione, anche loro sotto l’effetto di alcol.  Dopo il trasporto di tutte le parti in ospedale per le cure del caso, una di loro, per la quale è ancora in corso l’identificazione, è stata ricoverata in ospedale per un grave trauma facciale. F.V.E. e G.L. sono stati refertati con 4 giorni di prognosi, M.K. ha rifiutato ogni di cura; tutti e 4 sono stati arrestati per rissa.

Infine, In Via S.Croce in Gerusalemme gli agenti del commissariato Esquilino e della Sezione Volanti hanno arrestato un rapinatore. D.D.M., cittadino romeno di 44 anni. L’uomo dopo essere entrato in una farmacia e aver rubato alcuni prodotti, per guadagnare la fuga, ha aggredito un dipendente che lo aveva sorpreso.   Immediatamente bloccato è stato tratto in arresto.

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE