SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Pomezia, Coronavirus, nessun nuovo caso. Il Sindaco convoca la Conferenza Locale per la Sanità

printDi :: 24 marzo 2020 20:36
conferenza locale per la Sanità a cui parteciperanno tutti i Sindaci delle città della Asl RM 6

conferenza locale per la Sanità a cui parteciperanno tutti i Sindaci delle città della Asl RM 6

(AGR) Nessun nuovo caso di Covid-19 a Pomezia. Ad oggi nella nostra Città rimangono 31 i casi accertati di cittadini positivi. Inoltre l’Istituto Spallanzani ha comunicato che il poliziotto di Pomezia ha lasciato la terapia intensiva ed è ora ospitato in un reparto di degenza. “Una buona notizia – commenta il Sindaco Adriano Zuccalà – Al nostro concittadino un grande augurio di pronta guarigione”.

Il Primo Cittadino ha convocato per domani alle 16.30 la conferenza locale per la Sanità a cui parteciperanno tutti i Sindaci delle città della Asl RM 6, in videoconferenza, per fare il punto sulla situazione di emergenza legata al Coronavirus.

“Un momento di confronto importante – aggiunge Zuccalà – anche alla luce della videoconferenza di questa mattina con i Sindaci del Lazio, Anci e Regione in cui si è fatta chiarezza sulle comunicazioni che la ASL trasmette ai Sindaci in merito alle persone che risultano positive al Covid-19: la Regione sta predisponendo una modalità di trasmissione univoca tra ASL e Comuni in modo che tutti i Sindaci possano avere un quadro chiaro dei contagi all’interno dei territori. Inoltre il vice Presidente regionale Leodori ha preannunciato un’ordinanza regionale per permettere alle persone autistiche o con disagi psicologici comprovati di poter uscire per qualche tempo e allentare lo stress psicologico. Una deroga importante per chi soffre in maniera particolare le misure di isolamento”.

Adriano Zuccalà,  Sindaco di Pomezia, ha firmato l’ordinanza di chiusura al pubblico del cimitero comunale, da domani 25 marzo fino al 3 aprile.

Rimane garantita dal lunedì al sabato dalle ore 08:00 alle ore 14:00 l’erogazione dei servizi di trasporto, ricevimento, inumazione, tumulazione delle salme. Inoltre è ammessa la presenza per l’estremo saluto di un numero massimo di dieci persone nel rispetto di tutte le condizioni utili ad evitare le possibilità di contagio da virus Covid 19.

Partecipa anche tu, con un piccolo contributo, affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
x

ATTENZIONE