SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Ostiense, strada pericolosa ed a rischio per i motociclisti

Marco Possanzini SI X Municipio denuncia: E’ urgente un intervento per la messa in sicurezza della carreggiata. Quanto dobbiamo ancora aspettare per l'eliminazione delel pericolose radici? Presenteremo documento in Municipio ed Esposto alla Polizia Locale.

printDi :: 24 maggio 2020 17:53
Ostiense, strada pericolosa ed a rischio per i motociclisti

(AGR) Gli ultimi cinque chilometri della via ostiense, in entrata verso Ostia ed in uscita verso la vicina Ostia Antica sono a rischio incidente, sopratutto per i possessori di due ruote. Il X Municipio, oltrea promettere un intervento....ha posto il limite a 30 chilometri orari ed il divieto di accesso all'arteria per i possessori di una due ruote. Un divieto non sempre rispettato anche perchè molti utenti a due ruote si immettono sull'arteria direttamente dal viadotto"Di annunci ne sono stati fatti tanti, da anni....- esordisce Marco Possanzini (SI X Municipio)- ma ad oggi la Via Ostiense, in alcuni specifici tratti, è una strada particolarmente pericolosa in quanto il dissesto del manto stradale dovuto alle radici affioranti dei pini rende pericolosa questa frequentatissima via di collegamento. Ci riferiamo in particolare al tratto rettilineo di Via Ostiense che conduce all’intersezione semaforica con Via delle Azzorre, all’altezza quindi del multiplex Cineland. In questo tratto di strada i dossi prodotti dalle radici affioranti dei pini, nonostante i limiti di velocità imposti, rischiano di far sbandare i veicoli in transito determinando l’invasione della corsia opposta. Una condizione di assoluto pericolo che necessita di un immediato intervento sopratutto se si tratta di veicoli a due ruote.

 L’anno scorso, precisamente verso la fine di gennaio,  fu dato l’annuncio di due gare d’appalto per lavori sulla Via Ostiense e la Via del Mare. Il progetto relativo alla Via Ostiense parlava di una la manutenzione straordinaria relativa a due tratti in particolare: dal km 15,500 al 20,700 e dal km 25,339 al 27,100. Non possiamo dimenticare che in questo secondo tratto, in un tragico incidente probabilmente dovuto proprio alle radici affioranti, perse la vita la giovane motociclista Elena Aubry.

Gli interventi previsti dal Comune di Roma comprendevano il rifacimento della pavimentazione stradale, lo sfalcio a bordo strada, la valutazione dell’impianto radicale, l’eventuale ridimensionamento e la segnaletica orizzontale. Addirittura, nei casi più gravi, era previsto l’abbattimento degli alberi ed a seguire il livellamento della pavimentazione stradale. I lavori sarebbero dovuti durare circa 180 giorni e cioè sei mesi. Ad oggi la situazione, con particolare riferimento a questo secondo tratto della Via Ostiense, è più pericolosa che mai e rimasta praticamente identica agli anni scorsi. Fra pochi giorni riapriranno le spiagge e la Via Ostiense sarà presa, come di consueto, d’assalto. C’è bisogno di un intervento urgente al fine di livellare rapidamente la pavimentazione stradale mettendo in sicurezza questo tratto della Via Ostiense tristemente noto per gli incidenti mortali avvenuti. Presenteremo un documento in Municipio ed un Esposto alla Polizia Locale. Non c’è tempo da perdere.

Partecipa anche tu, con un piccolo contributo, affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE