SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Non lo fanno entrare nel Centro di accoglienza perchè ubriaco, si vendica dando fuoco ad un cassonetto

Un 60enne romano in chiaro stato di alterazione dovuto all'alcol ha dato fuoco ad un cassonetto posto dinanzi ad un Centro di accoglienza perchè non lo avevano fatto entrare in quanto ubriaco. All'arrivo della polizia l'uomo è stato denunciato

printDi :: 15 gennaio 2021 11:20
Non lo fanno entrare nel Centro di accoglienza perchè ubriaco, si vendica dando fuoco ad un cassonetto

(AGR) Si è presentato davanti ad un centro di accoglienza pretendendo di accedere all’interno ma il volontario dell’associazione, preposto alla misurazione della temperatura all’ingresso, non lo ha fatto entrare perché in evidente stato di ebbrezza alcolica. Vista l’insistenza dell’uomo, il volontario ha chiamato il responsabile che ha però sostenuto l’operato del primo: a questo punto il 60enne ha dato in escandescenza e, tirato fuori dalla tasca dei pantaloni un accendino, ha dato fuoco ad un cassonetto contenente la carta e posto proprio dinanzi alla struttura.

Il responsabile ha così chiamato il 112 NUE ed immediatamente sono arrivate 2 pattuglie della Polizia di Stato, una del commissariato Sant’Ippolito ed una del commissariato San Lorenzo, che hanno spento l’incendio. Con sguardo sprezzante rivolto agli agenti, l’uomo ha svuotato le tasche dei pantaloni tirando fuori anche l’accendino usato poco prima. Accompagnato negli uffici del commissariato Tor Pignattara, è stato denunciato per danneggiamento a seguito di incendio.

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE