SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Nettuno, maltrattamenti in famiglia, arrestato 46enne polacco, a casa deteneva anche fucile ad aria compressa

Secondo il racconto della donna, negli ultimi mesi, anche per il suo costante abuso di sostanze alcoliche, l’uomo l’avrebbe più volte maltrattata e minacciata; in un paio di circostanze, l’avrebbe anche aggredita fisicamente. Rinvenuta e sequestrata pistola stordente, carabina ad aria compressa

printDi :: 05 gennaio 2024 15:16
Carabinieri armi detenute arrestato Nettuno

Carabinieri armi detenute arrestato Nettuno

(AGR) I Carabinieri della Stazione di Nettuno hanno dato esecuzione a un’ordinanza, emessa dal Tribunale di Velletri su richiesta della locale Procura della Repubblica, che dispone la custodia cautelare in carcere per  un 46enne di origini polacche, gravemente indiziato del reato di maltrattamenti in famiglia. La vittima, una donna 46enne, aveva denunciato presso la Stazione Carabinieri di Nettuno una serie di comportamenti vessatori subiti dal coniuge, con il quale è sposata da diversi anni. Sempre secondo il racconto della donna, negli ultimi mesi, anche per il suo costante abuso di sostanze alcoliche, l’uomo l’avrebbe più volte maltrattata e minacciata; in un paio di circostanze, l’avrebbe anche aggredita fisicamente, strattonandola e tirandole i capelli.

Dopo la formalizzazione della denuncia, i Carabinieri hanno perquisito l’abitazione dove hanno rinvenuto e sequestrato una pistola stordente, un fucile carabina ad aria compressa, con relativo munizionamento e altre potenziali armi da taglio.

Stante la gravità delle vicende narrate e gli elementi raccolti dai Carabinieri, la Procura della Repubblica ha richiesto ed ottenuto la citata misura cautelare nei confronti dell’uomo che è stato arrestato e si trova ora presso la casa circondariale di Velletri.

Si precisa che, considerato lo stato del procedimento, indagini preliminari, l’indagato deve considerarsi innocente fino ad eventuale sentenza definitiva.

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE