SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Napoli, stazione centrale, un marciapiede per dormitorio

De Lieto LI.SI.PO: Il Governo estenda ai senza tetto lo stesso trattamento riservato agli stranieri

printDi :: 02 gennaio 2022 16:48
Napoli, stazione centrale, un marciapiede per dormitorio

(AGR) Napoli, il marciapiede della Stazione Ferroviaria Centrale è di fatto il dormitorio a cielo aperto di tantissimi senza tetto che, avvolti in apposite coperte, passano la notte sotto il tetto di un cielo non sempre stellato.

Questo è lo scenario che tutte le mattine rilevano i tanti viaggiatori che si recano in stazione per prendere il treno che li porta nelle destinazioni ove sono diretti per svariati motivi.

Ovviamente, questo dramma è presente anche in altre località d’Italia.

Così ha dichiarato il Segretario Generale del Libero Sindacato di Polizia (LI.SI.PO.) Antonio de Lieto: “I più deboli, i più fragili, dovrebbero essere sempre all’attenzione dei servizi sociali dei Comuni, ma appare chiaro che non sempre è così o non è affatto così. Gli ultimi non hanno voce, danno persino fastidio a certi “benpensanti”.

Purtroppo – ha proseguito de Lieto – queste tristi situazioni sono visibili in ogni dove del nostro Paese ed al riguardo c’è da chiedersi: cosa hanno fatto i Sindaci e, perché no, cosa hanno fatto i Prefetti? Di fronte a situazioni atmosferiche avverse, cosa hanno fatto i Comuni per i senzatetto, cosa hanno fatto le Istituzioni per questi essere umani? Molte volte chi ha più bisogno è il meno capace a chiedere aiuto, ma devono essere le Istituzioni, in primo luogo il Comune, attraverso i suoi servizi sociali, ad avvicinare i tanti in condizioni di disagio estremo che cercano di sopravvivere, dormendo sopra un marciapiede, una panchina o in altro angolo della città. Si garantisce alla massa di migranti l’essenziale per il pagamento di servizi destinati a questi ospiti, ma per i tanti “clochard”, troppe volte, senza volto e senza nome, non c’è nulla, né la paghetta giornaliera, né un tetto sulla testa, né la scheda telefonica ecc... C’è da chiedersi: è giusto tutto questo? Il LI.SI.PO. – ha concluso de Lieto - chiede al Governo Draghi di estendere agli Italiani, in condizioni di estremo disagio, lo stesso trattamento riservato ai tanti stranieri che vivono nel nostro Paese, molti dei quali in attesa di essere regolarizzati”.

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE