SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Marina Militare - la Fregata Rizzo in operazione antipirateria nel Golfo di Guinea

L’unità assicurerà la sicurezza marittima in una zona del mondo a rischio per gli attacchi di pirateria e dove insistono rilevanti interessi economici per il Paese

printDi :: 07 marzo 2022 13:35
Marina Militare - la Fregata Rizzo in operazione antipirateria nel Golfo di Guinea

Marina Militare - la Fregata Rizzo in operazione antipirateria nel Golfo di Guinea

(AGR) Al via l’operazione antipirateria denominata Gabinia, che vedrà impegnata nei prossimi mesi la fregata Luigi Rizzo nel Golfo di Guinea, al comando del capitano di fregata Andrea Cecchini.

L’unità navale, partita dal porto di Civitavecchia lo scorso 24 febbraio e dopo uno scalo nel porto di Dakar (Senegal), sarà impegnata in uno dei tratti di mare del mondo più a rischio per gli attacchi di pirateria, ma allo stesso tempo di estrema rilevanza per il nostro Paese, ed avrà come obiettivo la vigilanza marittima a tutela degli interessi nazionali e della sicurezza delle vie marittime, ma anche la cooperazione con le marine dei paesi rivieraschi per aumentare la reciproca conoscenza e fiducia e per contribuire al miglioramento delle condizioni di sicurezza nella regione.

Alla cerimonia di saluto a Civitavecchia, presenti il capo di Stato Maggiore della Marina Militare, ammiraglio di squadra Enrico Credendino, e il comandante in capo della Squadra Navale, ammiraglio di squadra Aurelio De Carolis.

“Su nave Rizzo, in partenza per una lunga missione, ci sono idealmente tre Ministeri: quello della Difesa, quello degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e quello dello Sviluppo Economico; questo è un segnale di coesione del Sistema Paese verso la marittimità. Idealmente il cluster marittimo nazionale oggi è qui insieme e la Difesa, che del cluster marittimo nazionale è una costola fondamentale, è quella che consente a tutti gli attori di operare in piena sicurezza sul mare e dal mare” queste le parole dell’ammiraglio Credendino, che ha poi proseguito “la Marina Militare è al servizio della comunità: quello che succede nel Golfo di Guinea ha un diretto impatto sul nostro Paese, sulla nostra industria e sul nostro commercio marittimo”. 

Marina Militare - la Fregata Rizzo in operazione antipirateria nel Golfo di Guinea

Marina Militare - la Fregata Rizzo in operazione antipirateria nel Golfo di Guinea

Il comandante in capo della Squadra Navale nel corso del suo intervento ha dichiarato “Nave Rizzo parte per la 3a volta verso il Golfo di Guinea, dove assolverà una complessa e articolata missione di sicurezza marittima, a garanzia dei ruoli di polizia dell’alto mare, di diplomazia navale e di cooperazione securitaria”, continuando “Il 2022 segna anche il consolidamento di un livello maggiore di presenza e regolarità nell’azione della Marina nel Golfo di Guinea, raggiungendo gli 8 mesi all’anno. La presenza di navi della Marina nel Golfo di Guinea e in tutte le aree del Mediterraneo allargato da dimostrazione di un approccio sempre più inter-istituzionale, multidimensionale e multidisciplinare alla sicurezza marittima e alle attività della Forza Armata fuori dai confini nazionali”.

Marina Militare - la Fregata Rizzo in operazione antipirateria nel Golfo di Guinea

Marina Militare - la Fregata Rizzo in operazione antipirateria nel Golfo di Guinea

L’attività dell’unità navale italiana è, inoltre, anche l’occasione per portare avanti i progetti di collaborazione tra la Marina Militare e la Fondazione Francesca Rava NPH Italia Onlus, attraverso l’imbarco a bordo di apparecchiature sanitarie destinate agli ospedali africani identificati in collaborazione con le autorità diplomatiche italiane sul posto: una “missione nella missione”, dal significativo valore sociale e umanitario.

Nave Rizzo pattuglierà le acque del Golfo di Guinea fino al prossimo mese di giugno.

Approfondimenti – Operazione Gabinia:

L'apertura del teatro operativo del golfo di Guinea è stata decisa dall'autorità politica in base a comprovate esigenze di prevenzione e contrasto della pirateria marittima. Il Golfo di Guinea è infatti internazionalmente considerato molto pericoloso per numero di attacchi e incidenti di pirateria ai danni delle imbarcazioni e degli equipaggi in transito.

Il Consiglio di Sicurezza dell'ONU, con risoluzione n. 2039 del 2012, ha espresso profonda preoccupazione per la minaccia che la pirateria nel golfo di Guinea rappresenta per la navigazione internazionale ed ha sollecitato gli stati ad adottare efficaci misure per contrastarle. Il fenomeno ha seriamente compromesso l'attività mercantile nazionale nell'area, dove si concentrano importanti interessi commerciali ed energetici italiani (si consideri che la Nigeria è, dopo il Sudafrica, il secondo mercato di destinazione delle merci italiane in questa macroregione). È emersa quindi la necessità dell'intervento della Marina Militare nel golfo di Guinea. A mente dell'art. 111 del Dlgs n 60/2010, Codice dell'Ordinamento Militare, rientra infatti nell'alveo delle competenze istituzionali della Marina Militare la maritime security, in particolare la vigilanza a tutela degli interessi nazionali e delle vie di comunicazione marittime al di là del limite esterno del mare territoriale, ivi compreso il contrasto alla pirateria e la protezione degli equipaggi italiani da atti ostili e minacce terroristiche. La “sicurezza marittima", in un contesto geopolitico globalizzato, ha assunto un valore strategico, in quanto elemento imprescindibile per la pace ed il benessere economico e sociale della comunità internazionale, basti pensare che circa il 90% del trasporto mondiale delle merci avviene via mare.

Nave Luigi Rizzo (F595) è la sesta Unità FREMM italiana e la seconda in configurazione GP, “General Purpose". L'unità, costruita nello stabilimento Fincantieri di Riva Trigoso, è stata varata il 19 dicembre 2015 e successivamente trasportata allo stabilimento del Muggiano (La Spezia) per il completamento dell'allestimento e le prove di collaudo. Le peculiarità che distinguono le FREMM GP dalle ASW (Anti Submarine Warfare) consistono nella presenza di una slitta a poppa per il rilascio rapido dei mezzi veloci per operazioni speciali e per il diverso armamento d'artiglieria, infatti nave Rizzo monta a prora un cannone Oto Melara 127/64 LW con capacità di utilizzo del munizionamento guidato ad alta precisione "Vulcano", rifornito da un deposito completamente automatizzato.

Nave Luigi Rizzo è stata progettata all'insegna dell'innovazione e della flessibilità, e può essere impiegata per missioni di assistenza umanitaria e soccorso in caso di calamità naturali.

Nave Luigi Rizzo è stata consegnata alla Marina Militare il 20 aprile 2017.

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE