SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Il decalogo per tutelarsi dalle truffe in casa

L'allarme può estendersi a tutto il territorio italiano. A Como si sono finti carabinieri, ma potrebbero fingersi vigili urbani o pompieri. Le truffe sono all’ordine del giorno ai danni degli anziani. Fondamentale la prevenzione con una corretta informazione.

printDi :: 22 giugno 2020 20:06
truffatori si fanno aprire porta di casa con inganno

truffatori si fanno aprire porta di casa con inganno

(AGR) I soggetti più a rischio sono gli anziani. La truffa adoperata dai malfattori per conquistare la fiducia delle loro vittime è quella di farsi aprire la porta di casa e con una scusa riuscire a distrarre il pensionato di turno al fine di sottrargli soldi e gioielli. Questi malviventi come agiscono? indossano una pettorina con la scritta carabinieri e sono dotati di una radiolina walkie talkie per fingere di essere collegati con la caserma, così facendo l’anziano ci casca!

Questo episodio si è verificato, precisamente, il 19 giugno in centro città, in via Monti e via Petrarca. Le segnalazioni giunte ai carabinieri di Como coinvolgono non solo il centro, ma anche il quartieri periferico. I delinquenti hanno incassato un bottino di migliaia di euro tra beni di valore e denaro. "È solo uno dei tanti casi di raggiro ai danni di persone anziane avvenuti negli ultimi tempi- commenta il Presidente dell'Associazione Codacons, Marco Donzelli - Inaccettabile che non sia ancora stata posta in essere una tutela effettiva. Troppe infatti le truffe e nessun provvedimento valido."

Per difendersi può essere utile conoscere i trucchi più comuni utilizzati da questi malfattori, che prendono di mira le persone più indifese, spesso anziane, sole e bendisposte verso gli altri. Di seguito riportiamo il decalogo del Codacons:

- Sincerarsi che il controllo sia effettivo: molti pensionati aprono le porte della propria casa senza verificare che effettivamente sia necessario un controllo dell’abitazione. Solitamente è bene fare attenzione agli avvisi del Condominio, nei quali vengono sempre indicati gli eventuali accertamenti nei singoli appartamenti, con indicazione della data e dell’ora dell’eventuale visita.

- Richiedere i documenti d’identità: è preferibile prima di far entrare qualcuno in casa propria, chiedere agli addetti di identificarsi tramite documento d’identità. Se il controllo è effettivo i tecnici non devono avere alcuna ragione di opporsi a tale richiesta.

- Richiedere un tesserino o un documento che attesti che effettivamente lavorano per la società detta: è utile fare richiesta di un documento o un tesserino per verificare se gli addetti siano realmente dipendenti della società con cui si sono presentati.

- Controllare che gli addetti lavorino effettivamente per il proprio fornitore di luce e gas, o che siano dipendenti della propria società idrica: molto spesso infatti si presentano soggetti per fantomatiche società elettriche o idriche al solo scopo di entrare nell’abitazione, dunque sincerarsi che siano veramente addetti alla propria società di fornitura.

- Visionare sempre il lavoro dei tecnici: è importante prestare sempre attenzione alle attività svolte nella propria casa dai tecnici, al fine di verificare che siano effettivamente lì per il motivo indicato, ossia riparare un guasto o fare controlli.

- Non permettere ai tecnici di andare da soli in altre stanze: non bisogna farsi scrupoli nell’impedire agli addetti di andare in altre stanze da soli. Non hanno alcun motivo per fare ciò e se sono in buona fede accetteranno senza problemi di essere seguiti.

- Non lasciare beni di valore in vista: prima di far entrare estranei nella propria abitazione, è importante mettere al sicuro qualsiasi bene sia “a portata di mano”. È sempre meglio mettere tutto in cassetti o in luoghi in cui non sia facile accedere.

- Non farsi mai distrarre: solitamente, se si tratta di una truffa, i sedicenti tecnici si presentano in due o più, questo in modo che uno o più possano distrarre il proprietario dell’abitazione mentre l’altro o gli altri possono porre in essere furti in casa.

- Verificare l’abbigliamento e la presenza di casse degli attrezzi: se gli addetti si presentano per riparare un guasto, o fare un controllo, è importare verificare l'abbigliamento e se portano con sé cassette degli attrezzi o simili, senza i quali difficilmente dei veri tecnici potrebbero lavorare.

- Chiamare aiuto: se non ci si sente sicuri, è bene farsi assistere da qualcuno, che può essere un vicino, un parente, perfino la portineria. È importante non essere da soli in questi casi. E qualora ci si dovesse rendere conto che si tratta di una truffa, è fondamentale chiamare subito il 112.

Partecipa anche tu, con un piccolo contributo, affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE