SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Fake news, l'autore era una guardia giurata

Individuato dalla Polizia di Stato l’autore del falso documento diffuso su internet riguardante il divieto di svolgere attività balneari e pesca a scopo ricreativo. Denunciata guardia giurata.

printDi :: 25 aprile 2020 19:59
Fake news, l'autore era una guardia giurata

(AGR) La diffusione della fake news ha avuto luogo nel pomeriggio di ieri dove una circolare con intestazione “Questura di Roma-DIVISIONE POLIZIA AMMINISTRATIVA E SOCIALE”, riportante il logo della Repubblica Italiana modificata ad arte, vietava la navigazione ai piccoli natanti e la pesca di ogni tipo per il rischio di contagio covid-19 fino alla data dell’ 11 giugno 2020.

La notizia  ha raggiunto migliaia di utenti che hanno a loro volta diffuso la falsa circolare emessa dalla Questura di Roma, innumerevoli i commenti e le frasi d’indignazione sul contenuto della falsa notizia che hanno intasato non solo tutti i social network, ma anche le Pec della Questura di Roma, della capitanerie di porto e della Guardia di Finanza.

Immediatamente gli agenti della Squadra Investigativa  della Divisione Polizia Amministrativa e Sociale diretti da Angela Cannavale, attraverso verifiche incrociate sono risaliti in pochissime ore all’individuazione dell’autore della “FAKE NEWS” che ha messo in agitazione tutto l’intero comparto della filiera ittica.Si tratta di una guardia giurata, appassionato di pesca sportiva dipendente di un istituto di vigilanza della capitale il quale aveva avuto accesso alla circolare sul luogo di lavoro e dopo averla volutamente modificata l’ha veicolata sui propri profili social.

La “burla”, però, costerà cara all'uomo, che oltre ad essere stato denunciato ai sensi dell’art 656 del c.p. per la pubblicazione o diffusione di notizie false, esagerate o tendenziose, atte a turbare l’ordine pubblico, mediante l’utilizzo di piattaforme informatiche, dovrà rispondere anche dell’abuso commesso con una probabile sospensione della sua qualifica.

Partecipa anche tu, con un piccolo contributo, affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE