SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Esquilino, blitz della polizia nei locali del quartiere, sospesa attività di ristorazione per gravi carenze igienico-santiarie

Per un ristorante cinese a causa degli illeciti e delle carenze igienico sanitarie riscontrate, è scattata la "Sospensione Attività di Ristorazione" (ex art. 135 Regolamento UE 675/2017). Riscontrate gravi carenze igienico sanitarie con sequestro amministrativo e distruzione di1.500 kg di alimenti

printDi :: 09 gennaio 2023 13:33
Esquilino, blitz della polizia nei locali del quartiere, sospesa attività di ristorazione per gravi carenze igienico-santiarie

(AGR) Gli agenti della Polizia di Stato della Squadra Amministrativa del commissariato Viminale hanno proceduto ad una serie di verifiche presso strutture ricettive ed esercizi di ristorazione nella zona limitrofa alla stazione ferroviaria Termini. Il 4 gennaio è stato effettuato un controllo amministrativo, con l'ausilio della Polizia Roma Capitale, presso il ristorante di cucina cinese della zona, a causa degli illeciti e delle carenze igienico sanitarie riscontrate, si è proceduto alla "Sospensione Attività di Ristorazione" (ex art. 135 Regolamento UE 675/2017). Durante tale controllo, sono state riscontrate gravi carenze igienico sanitarie tali da rendere necessario l'intervento di personale dell'A.S.L. Roma 1, con sequestro amministrativo, divieto di immissione al consumo e relativa distruzione di circa 1.500 kg di alimenti, notifica di "Prescrizione di adeguamenti strutturali" ed alla successiva emissione del provvedimento di "Sospensione Attività di Ristorazione" (ex art. 135 Regolamento UE 675/2017). Oltre a tali contestazioni, sono state elevate sanzioni amministrative per un totale di circa Euro 13.000,00.

Gli uomini del commissariato Esquilino l’altro ieri hanno notificato ad un locale in via delle Terme di Triano il provvedimento del Questore di sospensione della licenza per 10 giorni, ai sensi dell’art.100 T.U.L.P.S.,  con conseguente chiusura dell’attività, a seguito di episodi a carattere violento occorsi all'interno ed in prossimità del locale. Inoltre, nel giugno scorso, il locale era già stato destinatario di un provvedimento di sospensione dell'esercizio commerciale per cinque giorni, a causa di analoghi motivi.

Infine, sempre nella stessa giornata, gli agenti del commissariato Ladispoli hanno notificato alla titolare dell'attività commerciale in Piazza Marescotti a Ladispoli, il provvedimento di sospensione dell’attività per la durata di 5 giorni, ex art. 100 T.U.L.P.S., emesso dal Questore di Roma. Il locale è stato segnalato in quanto al suo interno si sono verificate diverse liti per futili motivi, degenerate anche in aggressioni fisiche, nonché in intemperanze, nei confronti degli operatori di Polizia intervenuti nei singoli episodi.

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE