SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Casalbertone, sgomberati locali occupati da associazione legata a Casapound

Stamane la polizia di stato e la polizia locale hanno provveduto ad effettuare il sequestro preventivo dei locali di via Orti di Malabarba e via Enrico Cosen, sede del “Circolo Futurista Casal Bertone”, denominato “Spatium Nostrum”, e dell'associazione "La Salamandra". Utilizzati i lacrimogeni

printDi :: 20 gennaio 2022 14:45
Casalbertone, sgomberati locali occupati da associazione legata a Casapound

(AGR) Questa mattina gli agenti della Polizia di Stato, in supporto alla Polizia Locale Roma Capitale, così come concordato in sede di Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica tenutosi presso la Prefettura di Roma, sono intervenuti in via Enrico Cosenz e via degli Orti di Malabarba per dare esecuzione al sequestro preventivo, emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma, dei locali di proprietà dell’I.N.P.S., oggetto di occupazione abusiva ed all' interno dei quali era stata posta la sede del “Circolo Futurista Casal Bertone”, denominato “Spatium Nostrum”, e dell'associazione "La Salamandra".

I locali di via Enrico Cosenz, inoltre, erano stati adibiti anche a deposito di materiale edile. All’inizio delle operazioni di sgombero, di fronte all’ingresso del circolo futurista circa 40 aderenti a Casapound, muniti di caschi e protezioni, hanno tentato di evitare che le operazioni di sgombero fossero eseguite. All’esito di un’attività di mediazione infruttuosa, essi si sono posti davanti all'ingresso del circolo, per impedire l’accesso della Forza Pubblica. Trascorsi alcuni minuti il personale inquadrato della Polizia di Stato, presente con circa 50 unità, è avanzato con l'intenzione di far indietreggiare i manifestanti; questi, in tutta risposta, hanno lanciato contro gli agenti 9 fumogeni ed almeno 2 bombe carta, frapponendo una resistenza attiva contro gli operanti.

A quel punto si è dovuto procedere ad allontanare i manifestanti utilizzando una forza proporzionata e necessaria, anche con uso di alcuni lacrimogeni a mano, necessari per vincere la resistenza degli attivisti, i quali si allontanavano subito dall’ingresso. Le operazioni di sgombero sono poi proseguite senza altre criticità. Negli attimi di concitazione venivano feriti 6 agenti del Reparto Mobile, uno in particolare, il capo squadra, veniva trasportato al Pronto Soccorso del Policlinico Umberto I per aver ricevuto un forte colpo al naso e allo zigomo sinistro, con probabile frattura, la cui diagnosi richiede valutazioni strumentali. Sono in corso da parte degli investigatori della Polizia di Stato le operazioni di identificazione delle persone che hanno partecipato attivamente all’azione.

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE