SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Campidoglio, rafforzato il programma dell'accoglienza dei senza fissa dimora, dall'emergenza freddo alla programmazione condivisa

Si scommette sul potenziamento del sistema cittadino di accoglienza, prevedendo un ulteriore incremento fino a 200 posti l’anno, per un totale di 1000 posti a fine mandato, ricorrendo sia a risorse economiche comunali che alle diverse linee di finanziamento regionali, nazionali ed europee

printDi :: 13 dicembre 2022 16:53
Campidoglio, rafforzato il programma dell'accoglienza dei senza fissa dimora, dall'emergenza freddo alla programmazione condivisa

(AGR) Presentati questa mattina in Campidoglio i numeri e le strategie messe in campo dall’Amministrazione capitolina per rafforzare i servizi e aumentare i posti per le persone senza dimora, puntando ad un’accoglienza strutturata e diffusa tutto l’anno e non solo nei periodi più freddi.

Durante la conferenza “Oltre l’emergenza freddo, Roma che accoglie”, alla quale hanno partecipato il Sindaco Roberto Gualtieri e l’assessora alle Politiche Sociali e alla Salute Barbara Funari, sono stati resi noti i nuovi dati sull'accoglienza e raccontate alcune storie significative di inserimento di senza dimora a Roma.

Sin dall’insediamento della nuova Amministrazione, l'Assessorato alle Politiche Sociali ha aumentato i posti disponibili e avviato le prime sperimentazioni di coprogrammazione e coprogettazione, istituendo un gruppo di lavoro integrato con gli organismi del Terzo Settore che operano nell'ambito dell’assistenza alle persone senza dimora per elaborare delle Linee di indirizzo condivise.

I posti notturni (senza considerare i diurni che negli anni precedenti venivano conteggiati nei numeri generali di accoglienza) passano da 719 del 1° novembre 2021 a 1049 alla data del 1° dicembre 2022 (+330, + 46%). Con previsione, entro il 31 dicembre 2022, di 1149 posti (+ 60% nei confronti del 1\11\2021) ed entro il 31\1° gennaio 2023 più 1252 (+74% nei confronti 1° novembre 2021).

Sta per essere approvata, per la prima volta, una delibera che rappresenta un vero e proprio cambio di paradigma sul tema dell’accoglienza, anche in considerazione delle principali criticità riscontrate nel corso degli anni. È prevista, ad esempio, una nuova assistenza per interi nuclei familiari, mentre l’attuale circuito di accoglienza è impostato prevalentemente su servizi in favore di persone singole o madri con bambino; accoglienza anche per padri separati e per persone con al seguito animali da compagnia; presa in carico di persone in condizione di particolare fragilità sociale, economica e fisica che faticano ad accedere alle cure sanitarie e per chi necessità di un’assistenza h24, esigenza emersa ancora di più con la pandemia da Covid 19.

La delibera va quindi a garantire risposte integrate, complete, durevoli nel tempo e dotate di obiettivi realistici sulla base di tre principi fondamentali: la presa in carico di ogni persona senza dimora, un’accoglienza di natura emergenziale che non deve protrarsi a lungo e la creazione di un sistema di accoglienza integrato, al fine di non lasciare che qualcuno finisca di nuovo per strada.

Concretamente si scommette sull’implementazione e il potenziamento del sistema cittadino di accoglienza, prevedendo un ulteriore incremento fino a 200 posti l’anno, per un totale di 1000 posti a fine mandato, ricorrendo sia a risorse economiche comunali che alle diverse linee di finanziamento regionali, nazionali ed europee, a partire dal Pnrr. Si punta inoltre alla pianificazione e l’individuazione di immobili da destinare a bandi, inclusi i beni sequestrati alla criminalità organizzata.

Al piano di potenziamento stabilito, verranno affiancati, di concerto con la Protezione Civile, piani straordinari da attivare laddove vi fosse la necessità come previsto nell’ordinanza gelo firmata dal Sindaco (tendostrutture, attivazione C.O.C. ecc.). È in corso una valutazione delle aree comunali idonee.

L’azione dell’Amministrazione dovrà essere sempre guidata da dati certi e costantemente aggiornati. Per questo motivo è prevista a breve la sottoscrizione di un protocollo di intesa con l’ISTAT per avviare un progetto sulle presenze dei senza tetto nel territorio di Roma Capitale. La ricerca, quantitativa ma anche qualitativa, ha l’obiettivo di prevedere un quadro approfondito di conoscenze rispetto al fenomeno delle persone senza dimora, tramite l’ausilio di un questionario distribuito nel mese di febbraio. Saranno coinvolti ricercatori Istat, studenti universitari, Polizia di Roma Capitale e Protezione Civile.

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE