SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Bracconaggio, sei denunciati nel delta del Po e nella laguna di Venezia

La collaborazione tra i volontari della Lipu ed i carabinieri forestali ha consentito di intercettare e denunciare sei persone sorprese ad abbattere specie protette od a cacciare in aree vietate. Nei guai anche un ristoratore sorpreso a cucinare avifauna selvatica

printDi :: 01 febbraio 2022 15:52
Bracconaggio, sei denunciati nel delta del Po e nella laguna di Venezia

(AGR) Due cacciatori sorpresi ad abbattere un’oca selvatica, specie protetta dalla legge, e altre due persone denunciate per detenzione di cartucce senza la licenza, tutti nella Laguna nord di Venezia; inoltre, denunciati i proprietari di un ristorante in provincia di Venezia in quanto sorpresi a cucinare esemplari di fauna selvatica all’interno del locale.E’ il bilancio dei controlli effettuati nelle scorse settimane nel delta del Po e nella Laguna di Venezia da parte dei Carabinieri forestali del Soarda e del nucleo Cites in collaborazione con i volontari della Lipu, che operano nel contesto della campagna #stopbracconaggio finanziato dal progetto Life Abc e dal progetto sostenuto dalla Fondazione Oak.

Durante i controlli effettuati nella Laguna nord di Venezia, i militari hanno sorpreso e denunciato due cacciatori che abbattevano, all’interno di un’azienda faunistico-venatoria, un esemplare di oca selvatica, una specie protetta dalla legge. Dopo aver ucciso l’animale, l’hanno riposto dentro a un sacco e nascosto nella vegetazione vicino al capanno. Ma i militari, dopo una breve ricerca, sono riusciti a recuperarla e a incriminare i due soggetti.In un’azienda privata, invece, i Carabinieri forestali hanno denunciato due persone che detenevano 9.700 cartucce da caccia senza la licenza necessaria che viene rilasciata dall’Autorità di pubblica sicurezza.

Infine, sempre in provincia di Venezia, i militari hanno denunciato i proprietari di un ristorante perché sopresi a cucinare diversi esemplari di avifauna selvatica all’interno del locale, dove sono state ritrovate 23 esemplari di alzavola, pronti per essere cucinati. “Il Delta del Po – dichiara Aldo Verner, presidente della Lipu-BirdLife Italia – continua ad essere al tempo stesso tra i luoghi più importanti d'Europa per la presenza di uccelli acquatici e uno dei peggiori tra i sette black spot del bracconaggio italiano elencati nel Piano nazionale d'azione. Abbiamo collaborato alle operazioni con i nostri volontari e ciò è motivo di grande soddisfazione. Ai Carabinieri forestali del Soarda e del nucleo Cites va il sentito ringraziamento per l’impegno come sempre profuso, e al ministero della Transizione ecologica, così come a tutte le istituzioni coinvolte, l'ennesimo appello ad agire, dando piena attuazione al Piano antibracconaggio. Ogni giorno che passa è un giorno di gravi perdite per la natura".

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE