SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Boom delle piattaforme e della didattica on-line ma ogni scuola va da sè

La ministra: «Stiamo rispondendo in maniera solida e coesa». I dubbi dei sindacati, allarme dei Presidi: Il ritorno in aula? Come si fa a mantenere la distanza senza rischio contagio?

printDi :: 04 aprile 2020 21:44
Piattaforme e boom della didattica a distanza ma scuole in ordine sparso

Piattaforme e boom della didattica a distanza ma scuole in ordine sparso

(AGR) Per contrastare la diffusione del Coronavirus, una delle misure varate dal Governo Conte (in Lombardia il provvedimento è datato 24 febbraio) è stata la chiusura delle scuole con le relative adozioni di misure per garantire la continuità didattica. Oggi, in attesa di capire che ne sarà dell'anno scolastico 2019/2020, ragazzi e docenti si incontrano sulle piattaforme digitali, cioè sistemi online accessibili via Internet dove seguire le lezioni. E' la Didattica a distanza (Dad).Tutto chiaro? In realtà abbiamo assistito ad una partenza in ordine sparso con Istituti dove i professori hanno cominciato, o meglio proseguito le lezioni in video e Scuole alle prese ancora con la raccolta di autorizzazioni per la privacy e altre procedure simili.

«La scuola ha risposto e sta ancora rispondendo in maniera solida e coesa, dimostrando senso di appartenenza, senso di responsabilità e disponibilità senza precedenti ad operare in emergenza» ha detto la Ministra dell'Istruzione Lucia Azzolina al Senato nella seduta del 26 Marzo scorso citando la nota ministeriale dove è spiegato cos'è la didattica a distanza e quali sono gli strumenti validi, le metodologie e gli elementi necessari affinché un'attività possa essere considerata didattica a tutti gli effetti. Eppure sul campo le difficoltà non mancano. A cominciare dalla scelta di queste 15/20 piattaforme, dove docenti e studenti dialogano, fino all'organizzazione delle lezioni che ha stravolto il quotidiano lavoro dei docenti e delle famiglie stesse offrendo anche spunto per riflessioni da tenere in considerazione passata l'emergenza e magari da valorizzare quando sarà rinnovato il Contratto collettivo nazionale della Scuola scaduto nel 2018. Ma allora come mai questa disomogeneità nell'erogazione del servizio?

«In attesa di capire se il Ministero si doterà di una propria piattaforma - esordisce Massimiliano De Conca della Flc Cgil - oggi assistiamo a una situazione disarticolata dove non ci sono piattaforme omogenee. Ma è un momento particolare e chi lavora nella scuola lo sa. Semmai Il tema è capire come, passata la quarantena, la didattica digitale potrà diventare strumento integrante di supporto della scuola. Raccogliamo la sfida della ministra sull'attività a distanza e siamo pronti al confronto: come Flc abbiamo proposte che prenderanno forma in un documento nel quale ci saranno le nostre idee di Scuola e di didattica da mettere in campo per superare le disuguaglianze. Ma a oggi le distanze con il ministero permangono la Ministra ha scelto la strada del non confronto». Anche perché, con una punta di polemica, fanno notare in Flc i conti non tornano: «La ministra ha dichiarato che attualmente più di 6,7 milioni di alunni sono raggiunti attraverso mezzi diversi da attività didattiche a distanza, ne mancano all'appello un milione e mezzo. Altro che diritto allo studio».

Anche la Cisl Scuola si interroga sul futuro della Dad: «In questo momento di emergenza, la scuola - spiega Ivana Barbacci della Segreteria nazionale - è presente e ricopre una funzione sociale più educativa che non didattica. Nei giorni scorsi abbiamo effettuato una rilevazione su 2000 Istituti (in Italia sono poco più di 8300 ndr) e il dato che ci troviamo di fronte ci riporta a esperienze differenti sul territorio nazionale dove non mancano i paradossi. I soldi è vero ci sono ma a volte i device non sono a disposizione di chi ne ha bisogno perché le aziende del settore hanno difficoltà nel rifornimento dei magazzini. E naturalmente rimane di attualità la capacità di accesso alla Rete, che in alcune zone del Paese è carente». Il tema dell'innovazione per declinare il diritto allo studio nei prossimi anni, sarà dunque centrale anche se in Cisl chiariscono: «Siamo convinti della bontà delle nuove tecnologie ma anche del ruolo insostituibile del docente e della libertà di insegnamento. Nel confronto per il rinnovo del prossimo Contratto Nazionale ne dovremo tener conto». Insomma la Dad va bene ma come supporto e non in sostituzione dell'imprescindibile, vecchio caro prof.

Sulle piattaforme digitali anche i dirigenti scolastici sono stati presi in contropiede. «Una torre di Babele. Si attendevano indicazioni più uniformi e invece ogni Istituto ha scelto la propria piattaforma. Piuttosto occorre pensare come recuperare questo bagaglio di materiali, documenti e esperienze che sono stati caricati sulle piattaforme» commenta Mario Rusconi del Consiglio nazionale Presidi. Ma a preoccupare i dirigenti scolastici è anche la ripresa delle lezioni: «Maggio o Settembre ma il problema rimane: come si fa a mantenere la distanza nelle aule italiane che sono piccole per contenere 25 alunni? Un problema ambientale sul quale qualcuno dovrà esprimersi».

Approfondimenti

Partecipa anche tu, con un piccolo contributo, affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE