SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Aranova, dopo gli allagamenti ed i fiumi di fango, chiesta la messa in sicurezza idraulica

Severini (capogruppo Crescere Insieme): Il fango arrivato a valle deve essere fermato a monte, dove ci sono dei terreni coltivati e  arati fino a bordo fosso  che, senza vasche di laminazione, riversano acqua e fango ostruendo canali e condotte.

printDi :: 11 dicembre 2022 20:13
Aranova, dopo gli allagamenti ed i fiumi di fango, chiesta la messa in sicurezza idraulica

(AGR) Allagamenti ad Aranova, Severini: “Il Comune faccia il suo dovere, controlli le aziende private e avvìi gli interventi di messa in sicurezza idraulica” “All’indomani della forte alluvione che ha colpito Aranova con l’ondata di acqua e fango, riversatisi nelle abitazioni e strade bisogna iniziare, verificati i danni, a parlare di risoluzioni immediate. Non è più possibile agire sempre in  emergenza, serve programmazione e investimenti mirati volti alla sicurezza e salvaguardia del territorio. Non si può giocare con la vita dei cittadini. La politica è chiamata ad assumersi il coraggio delle scelte, anche se impopolari e avviare gli interventi di messa in sicurezza idraulica.

A parlare è Roberto Severini, capogruppo della lista civica Crescere Insieme.

“Quello che è successo ad Aranova ha dell’inverosimile – prosegue -. Oltre ai soliti problemi idrogeologici in zona Castiglione, anch’essi ancora da risolvere mettendo imprese e aziende di fronte alle proprie responsabilità, si è sfiorata la catastrofe nelle zone di Valle Coppa e Via Cuglieri. Fortunatamente la pioggia si è fermata, limitando i danni. Ma una riflessione è d'obbligo. Il fango arrivato a valle – prosegue Severini -, va fermato a monte, dove ci sono dei terreni coltivati e  arati fino a bordo fosso  che, senza vasche di laminazione, riversano acqua e fango ostruendo canali e condotte. Invece sotto questo profilo, nulla si sta facendo.

A monte, sui campi, la portata delle acque si divide  in due parti,  una  riversa su via Ploaghe un’altra scende su via Sarule e Via Cuglieri fino ad arrivare alla condotta di Via Siliqua. È inutile pulire i canali a valle quando a monte non si sta facendo nulla per drenare e per fermare queste ondate di fango che arrivano a tutta velocità e allagano strade  ed abitazioni. Bisogna avere il coraggio di agire immediatamente anche verso le aziende agricole che coltivano e arano i terreni a bordo fosso non mantenendo le distanze in rispetto della legge, senza mettere in sicurezza le loro acque reflue. Questo avvertimento oltre un anno fa, a seguito di una mia richiesta di informazioni su Valle Coppa, era stato dato dagli uffici ma ignorato totalmente dalla politica. 

Ora non possiamo più far finta di nulla o voltarci dall’altra parte, Aranova non è una località abusiva, i cittadini hanno paura, sono preoccupati e disposti a manifestare presso le sedi opportune.
La politica deve subito attivarsi con investimenti mirati a risolvere il problema, non si può più rinviare. Bisogna subito organizzare un tavolo di concertazione tra tecnici e politica tutta, normare la messa in sicurezza idraulica, rivedere il bilancio appena votato e spostare fondi sulla sicurezza, invece di investirli in progetti culturali, solo per accontentare qualche associazione….Serve una svolta – conclude -  la politica deve avere il coraggio delle scelte e delle azioni e sulla sicurezza, non esistono mezzi termini”.

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE