SEI GIA' REGISTRATO? EFFETTUA ADESSO IL LOGIN.



ricordami per 365 giorni

HAI DIMENTICATO LA PASSWORD? CLICCA QUI

NON SEI ANCORA REGISTRATO ? CLICCA QUI E REGISTRATI !

Violenza di genere ai tempi del coronavirus: un’emergenza nell’emergenza.

Il Controllo Di Vicinato non controlla i vicini, ma in certi casi “curarsi” dei vicini, può fare la differenza tra la vita e la morte di una donna.

print08 aprile 2020 23:08
Violenza di genere ai tempi del coronavirus: un’emergenza nell’emergenza.

Violenza di genere ai tempi del coronavirus: un’emergenza nell’emergenza.

(AGR) La clausura forzata imposta dalle misure di contenimento del COVID-19 ci costringe a condividere con i nostri familiari e conviventi, senza interruzione, spazi fisici ed emotivi che possono esasperare alcuni aspetti negativi della nostra personalità e dare luogo a conflitti.

Questo è ancora più vero e drammatico per quelle situazioni di convivenza familiare già caratterizzate da violenza psicologica, verbale o fisica. Pensiamo alle molte donne che già in situazioni “normali” sono costrette a subire violenze da parte dei loro partner o dei loro mariti. Una prolungata convivenza forzata con il partner maltrattante non può che esasperare la già difficile situazione in cui si trovano.

Se stare a casa è la cosa giusta da fare in questo momento, per molte donne (e figli) questo non è sinonimo di sicurezza. Paradossalmente, per chi è vittima di violenza domestica è più pericoloso restare a casa che uscire di casa. Per queste il pericolo non viene da fuori ma da dentro.

Se stare a casa è obbligatorio, l’emergenza per certe donne non può che aggravarsi. Come chiedere aiuto quando si è costretti a convivere ventiquattro ore al giorno con un uomo violento? È facile essere scoraggiate dal prendere l’iniziativa quando si è guardati a vista dall’uomo che ti maltratta e gli spazi per la privacy si riducono al minimo. Difficile e frustrante interrompere una situazione di violenza con una pandemia in corso.

In questo momento di silenzio nelle nostre città dovremmo prestare più attenzione ai segnali, a volte deboli, che provengono dalle case dei nostri vicini. Il Controllo di Vicinato non controlla i vicini ma in certi casi “curarsi” dei vicini può fare la differenza tra la vita e la morte di una donna.

Come si può rompere l’isolamento delle vittime? Cosa si può fare di concreto? Cosa possono fare i vicini? Cosa può fare una donna che si trova a condividere giorno e notte lo spazio fisico con il proprio partner violento? Ne parliamo con gli esperti:

              Il Webinar live si terrà lunedì, 20 aprile 2020, dalle ore 18:30 alle ore 19:30.

Registrati qui per partecipare e ricevere via email le credenziali di accesso.

L'evento sarà accessibile tramite la piattaforma Zoom ®. Puoi partecipare usando direttamente il tuo browser o tramite l'app di Zoom scaricabile dal sito.         

Photo gallery

Partecipa anche tu, con un piccolo contributo, affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE